A cura della Redazione
Atletica, un argento e due bronzi Grande prestazione di Marco Perna ai tricolori giovanili indoor. Ad Ancona, per il 16enne talento dell’Hinna, un bronzo davvero prezioso nella finale dei 60Hs. Un progresso di oltre 3 decimi, l’8"17 è rsiultato di gran valore e soprattutto migliorabile alla luce di imperfezioni ancora da analizzare. Dopo le batterie e la semifinale, lo studente dell’Itis “Marconi” non sembrava avere molte possibilità al cospetto di specialisti meglio accreditati. Era partito col nono tempo di accredito, ma nei turni eliminatori ha conquistato pian piano fiducia nei suoi mezzi: la finale è stata una grande battaglia: al penultimo ostacolo Marco era primo, poi un errore alla quinta barriera e solo con un’eccellente rimonta agguanta un bronzo che vale oro. Dalla marcia, eccellente risultato di squadra con l’argento di Cecilia Steskiv e il bronzo di Carlona De Rosa. Per la bionda ucraina una gara saggia e gagliarda: evita di seguire la tarantina Palmisano partita fortissima per tentare il record italiano, gestisce al meglio le forze, e conquista un argentocon il tempo di 14’46", un risultato mai in discussione. Si aspettava qualcosa in più, almeno nel tempo, da Carolina De Rosa, tecnicamente più a suo agio sulla corta 3Km; due ammonizioni inspiegabili, però, l’hanno costretta a rallentare per non incorrere nella squalifica e ad accontentarsi del bronzo. Nella rassegna marchigiana progressi per Marco Cirillo sceso fino a 8"50 nei 60Hs, quarto in semifinale, sfortunato nel lungo, nono con 6.36m, un salto lughissimo, ma putroppo lontano dall’asse di battuta: per soli 4 centimetri gli è stata negata la finale. Ha dovuto fare i conti con le sue precarie condizioni fisiche, invece, Alessandro Siervo; per l’argento di Bastia 2006 un dodicesimo posto molto lontano dal suo livello nel salto triplo. Buio totale per Roberta Auricchio: dopo il salto d’entrata nella finale dell’alto, con 1.50, si piazza solo all’undicesimo posto. LUIGI CHIERCHIA