A cura della Redazione
Concorso gastronomico "Cassata di Oplonti", prima edizione alla SS. Trinità La prima edizione del concorso gastronomico "Cassata di Oplonti". Promossa dalla Parrocchia della SS. Trinità di Torre Annunziata e dal gruppo di promozione culturale Giraoplonti, l´iniziativa mira a far conoscere il dolce tipico oplontino, la cui immagine è stata raffigurata anche in un affresco presente nella Villa di Poppea. A partire da sabato 1 settembre, e fino al 14 settembre (dalle ore 18 alle 20), sarà possibile iscriversi al concorso compilando il modulo disponibile presso la parrocchia di via Gino Alfani. La cassata di Oplonti dovrà essere preparata secondo la ricetta tradizionale e rispettando alcuni canoni specifici. Il 15 settembre, alle ore 20, una giuria decreterà i vincitori, scegliendo le tre cassate migliori. INGREDIENTI Ricotta gr. 500, miele gr.180, albicocche secche gr.50, prugne secche gr. 50, uva sultanina gr.40, noci (o nocciole o mandorle) gr.40, pinoli gr.40, datteri per guarnire, gr.50 di farina di mandorle, colore rosso di pasticceria in polvere. PREPARAZIONE Tagliare la frutta secca a pezzetti tenendo da parte i frutti più belli e i datteri per la decorazione. Far cuocere in un poco di miele i pinoli e le noci fino a che non siano caramellizzati e poi farlo a pezzetti. Passare al setaccio la ricotta dopo averne tolto un centinaio di grammi che serviranno per la decorazione. Mescolare il resto col miele mettendolo poco per volta fino a che, assaggiandolo, non si trovi la ricotta dolce al livello di quella siciliana. La crema deve essere lavorata molto perchè deve diventare molto liscia e soffice. A questo punto si uniscono i pezzetti di frutta e il croccante. Impastare la farina di mandorle con il colorante in modo da ottenere un marzapane o pasta reale. Foderare una teglia con carta forno, ungerla leggermente con un po´ d´olio,stendere con il matterello il marzapane e foderare i fianchi della teglia. Riempire il vuoto con la crema re mettere il dolce nella parte più fredda del frigorifero (no nel congelatore) per almeno un giorno. Sformare la cassata sul piatto di servizio, staccare la carta e coprire la parte superiore con la ricotta tenuta da parte e lavorata un poco. Decorare a piacere.