A cura di Mario Cardone

Il percorso per disabili recentemente inaugurato negli Scavi di Pompei avrà una “striscia” aggiuntiva di 500 metri che renderà accessibile a tutti, entro tre anni, l'area delle Terme Suburbane. Il progetto è il risultato di un accordo quadro firmato tra la Soprintendenza Archeologica di Pompei, l'Università Federico II e la Fondazione Deloitte, che sponsorizza l’iniziativa con 300mila euro. Il sito già dispone di un percorso per disabili (utilizzabile da altri visitatori che incontrano difficoltà motorie nell’attraversare gli Scavi) di 3 chilometri caratterizzato da un ampio itinerario all'interno della Pompei Antica.

Il nuovo "sentiero" percorribile partirà dall'ingresso di Porta Marina Superiore, che attualmente presenta una pendenza non affrontabile dalle carrozzine dei disabili la parte retrostante - come ha spiegato la professoressa Renata Picone, del Dipartimento Architettura della Federico II, che coordina il progetto -, riducendo all'8% la pendenza.

«Crediamo che questa collaborazione possa incoraggiare altre aziende a seguire i nostri passi», ha dichiarato il presidente della Fondazione Deloitte, Paolo Gibello.

twitter: @MarioCardone2 

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook