A cura della Redazione
Tommasina De Laurentiis, medici a processo per il decesso della giovane Novità sul caso Tommasina De Laurentiis. Dopo due anni di silenzio finalmente è stata fissata la prima udienza del processo. Il 9 Luglio i medici indagati dovranno difendersi in tribunale. L’accusa è di omicidio colposo e falso ideologico in atto pubblico. In seguito all’appello “anti-prescrizione” dei parenti della giovane mamma, morta in sala operatoria nel 2013 in seguito ad un banale intervento in laparoscopia, si parte col processo. Fondamentali le due perizie, nelle quali si evince palesemente che alla giovane sono state lacerate la vena cava e la vena aorta addominale, ricucite poi durante un secondo intervento, quando ormai il corpo della vittima era privo di vita. “La seconda perizia di dicembre - afferma l’avvocato della famiglia De Laurentiis, Gennaro Ausiello - ha dato una svolta all’inchiesta, grazie anche alle dichiarazioni rilasciate dagli assistenti e infermieri presenti in sala operatoria quel giorno del 8 marzo. Siamo soddisfatti, giustizia sarà fatta ”. ENZA PERNA