A cura della Redazione
TARI, notifiche di pagamento in ritardo. L´assessore: «No sanzioni o interessi» In questi giorni, i cittadini-contribuenti di Torre Annunziata stanno ricevendo dalla Soget, società che si occupa della riscossione per conto del Comune, le notifiche degli avvisi di pagamento relativi alla TARI, la nuova tassa sui rifiuti. Il Consiglio comunale di Torre Annunziata, a settembre, ha approvato regolamento e tariffe inerenti al tributo locale, prevedendo la possibilità di versare l´importo in un´unica soluzione o di rateizzarlo in quattro scadenze (precedentemente tre), 16 ottobre e 16 dicembre 2014, 28 febbraio e 28 aprile 2015. La preoccupazione espressa da molti cittadini, che si sono recati all´Ufficio Tributi o alla stessa Soget a chiedere spiegazioni, è relativa alla data di notifica degli avvisi. Essendo questi spediti a novembre, ciò comporterà il pagamento di interessi e sanzioni, considerato che la scadenza era fissata al 16 ottobre? Si chiedono i contribuenti. Sulla questione fa chiarezza l´assessore al Bilancio Carlo Iavarone. «In nessun caso - sottolinea l´esponente dell´esecutivo Starita - eventuali ritardi nelle notifiche degli avvisi di pagamento TARI genereranno l´insorgere di sanzioni e/o interessi a carico dei cittadini che, dunque, possono stare tranquilli. Non verseranno all´Erario nulla in più di quanto sia dovuto. Questa Amministrazione sta lavorando per garantire la massima trasparenza nel rapporto tra Fisco e contribuenti, anche attraverso l´istituzione della customer satisfaction riguardante il servizio offerto dagli Uffici comunali. Per tale motivo, ribadisco - conclude Iavarone - che i cittadini potranno pagare la rata della TARI di ottobre anche a novembre, senza ulteriori oneri».