A cura della Redazione
Neve e gelo, i paesi vesuviani nella morsa del freddo glaciale Come da previsioni, la morsa del gelo, che sta mettendo in ginocchio l´Italia, non ha risparmiato l´area del Vesuviano. Dopo giorni di freddo intenso, per lo più piovosi, nella nottata tra lunedì 6 e martedì 7, un´intensa nevicata, seppur di breve durata (circa un´ora), ha regalato alle quote basse del versante sud-ovest del Vesuvio un paesaggio fiabesco e surreale. Torre Annunziata ha vissuto anch´essa questo evento insolito vedendosi imbiancare, anche se per poco, i tetti delle auto parcheggiate in strada e quelli di alcune abitazioni maggiormente esposte all´evento. Gli accumuli più consistenti si sono avuti nei comuni di Boscotrecase e Terzigno, ovviamente maggiormente "favoriti" per la loro quota e la migliore esposizione alle perturbazioni che hanno trovato porta aperta tra i Monti Lattari e la bassa Irpinia. Non è mancato il clamore degli abitanti che si sono trovati, al loro risveglio, al cospetto dinanzi ad uno spettacolo unico. Alle 9 del mattino di oggi, risultavano ancora favolosamente imbiancati i territori di via Panoramica, via Zabatta, alcune aree del centro cittadino di Boscotrecase. Anche la rotonda di via Panoramica, luogo di scontri tra forze dell´ordine e cittadinanza esasperata per la questione discarica, ha assunto per qualche ora un aspetto candido. La situazione, nei prossimi giorni, sembra non voler affatto migliorare. Nel corso di questa settimana, e fino ai primi giorni della prossima, si prevedono ancora maltempo e temperature piuttosto basse, e non è escluso un bis dell´evento nevoso per le quote basse dell´area vesuviana. VINCENZO MARASCO