A cura della Redazione
Giornata di prevenzione gratuita per le malattie renali Domenica 24 maggio, “II giornata di prevenzione gratuita per le malattie renali”. L’iniziativa organizzata dall’Associazione di Torre Annunziata “Franca di Leva”, in collaborazione con gli specialisti del Centro Azzurro della Casa di Cura Maria Rosaria di Pompei, è stata presentata presso il Centro Specialistico Moscati di Corso Umberto I. Presenti alla conferenza stampa, oltre al presidente dell’associazione medica, dottor Alfonso Iovane, il medico Mario Iovane, organizzatore degli eventi di prevenzione, gli specialisti nefrologi, Giuseppe Tomasini, Luigi Senigalliese, Mario Migliorati e Vincenzo Maresca, in rappresentanza del personale paramedico della struttura di dialisi torrese. Un gazebo appositamente attrezzato, sosterà dalle 8,30 alle ore 13,30 sul marciapiede del Corso Umberto I, angolo Via dei Mille, ospitando una nutrita equipe medica che avrà il compito di esaminare, con un semplice test di urina, chi gratuitamente e volontariamente, si vorrà sottoporre allo screening. Durante i lavori di presentazione, il nefrologo Tomasini, responsabile ambulatoriale del Centro di dialisi al Corso Umberto I, ha riferito che lo scorso aprile 2008, in occasione della prima giornata di prevenzione, su circa 100 pazienti visitati, compresi nella fascia di età dai 50 ai 70 anni, a circa la metà è stata diagnosticata una patologia ipertensiva, mentre ad altri sono stati riscontrati problemi di obesità ed anche problemi di sovrappeso. “Un ruolo senza dubbio fondamentale è quello del medico di base - ha dichiarato il nefrologo Senigalliesi, responsabile del Centro Azzurro -. A tal proposito il dottor Mario Iovane ha voluto ringraziare gli operatori del centro Azzurro, che gratuitamente, assistono i pazienti “segnalati” dai medici di base. Un ringraziamento infine è stato rivolto da parte del presidente Alfonso Iovane, a nome di tutti i convenuti, alla famiglia Cirillo, proprietaria della Casa di Cura della città mariana e al direttore sanitario dott. Giovanni Lombardi. “Arrivare a percepire i primi segnali di un qualcosa di anomalo e curarlo in tempo senza danneggiarlo”, è lo slogan lanciato dai medici, in occasione della prossima giornata di prevenzione. Paolo Borrelli