A cura della Redazione
Il Savoia pareggia a Reggio Calabria. Immutate le distanze dall´Akragas Prezioso pareggio del Savoia a Reggio Calabria. Un punto fondamentale soprattutto per gli sviluppi dell’incontro che ha visto i bianchi rincorrere per ottanta minuti gli avversari in vantaggio nelle battute iniziali. E’ stato il redivivo Giuseppe Meloni a consentire alla formazione allenata da Vincenzo Feola di raddrizzare un match dall’interpretazione molto complessa. Il terreno di gioco del Comunale Ravagnese si presenta in condizioni pessime. Dell’erba solo un pallido ricordo: il fondo praticamente è in terra battuta. Buona la presenza dei tifosi giunti da Torre Annunziata (circa duecento) che vengono sistemati in un settore alle spalle di una porta. Savoia in campo con Del Sorbo, in dubbio alla vigilia per un problema alla caviglia. Feola conferma anche Di Pietro sulla linea mediana. I torresi si schierano ancora una volta in trasferta con il 4-3-3, ma è l’Hinterreggio a crederci di più ad inizio gara e a passare in vantaggio dopo appena sette minuti con Lavrendi in seguito ad un pregevole spunto di Aliperta. I bianchi, storditi dalla rete subita, stentano ad abbozzare una reazione e subiscono la vivacità dei padroni di casa. Solo al 31’ Tiscione si rende pericoloso con una conclusione dal limite che termina fuori di poco. Il primo tempo si chiude con l’Hinterreggio in vantaggio per 1-0. Nella seconda frazione il Savoia ritorna in campo con la stessa formazione e cerca di guadagnare metri nella metà campo avversaria. Al 54’ spunto di Tiscione che serve Scarpa al centro dell’area avversaria, la deviazione del capitano però non trova la porta calabrese. Feola al 60’ decide di mandare in campo Meloni al posto di Di Pietro e modulo torrese che cambia in un iperoffensivo 4-2-3-1. Episodio dubbio in area dell’Hinterreggio al 68’ con Meloni che viene strattonato vistosamente. Proteste dell’attaccante che chiede la concessione del rigore, ma l’arbitro il signor Maggioni di Lecco decide di far continuare il gioco. Due minuti dopo anche Scarpa cade in area dei calabresi. Il direttore di gara, però, ammonisce il capitano dei torresi per simulazione. Il Savoia sembra più determinato nel cercare la porta avversaria e al 79’ riesce ad riportare in equilibrio l’incontro con Meloni che di testa va in gol su assist di Tiscione. Si tratta della rete n. 14 in campionato del bomber sardo. All´87’ in campo Longo per rilevare Del Sorbo. Dopo cinque minuti di recupero il match si conclude in parità. In virtù del pareggio (1-1) dell’Akragas a Gioia Tauro, le distanze in graduatoria tra il Savoia e i siciliani restano immutate (+9).