A cura della Redazione
Derby a Cava, Feola: «Sono fiducioso e i ragazzi molto motivati» Cavese-Savoia è un match che chiude un ciclo fondamentale per la stagione dei bianchi. E’ iniziato con la supersfida di Agrigento e si è sviluppato poi con tre derby consecutivi. E l’ultimo, appunto, è in programma domani al “Simonetta Lamberti” di Cava de’ Tirreni. «Affronteremo l’impegno come sempre – sostiene Vincenzo Feola – perché oramai siamo alla ventitreesima giornata e, dunque, è da tempo tramontato il fattore novità. Siamo consapevoli di incontrare una buona squadra in un derby molto sentito da entrambi le tifoserie, ma siamo anche convinti della nostra forza». La Cavese è in serie positiva da otto giornate, ma lo stato di salute degli avversari non è un elemento di preoccupazione per l’allenatore dei torresi. «Rispettiamo tutti, ma non temiamo nessuno. Ho detto ai ragazzi di andare in campo sereni e li ho visti particolarmente concentrati e motivati. Insomma, sono fiducioso». Al termine dell´allenamento Mario Luce ha letto, all´interno dello spogliatoio, una lettera del presidente Lazzaro indirizzata ai calciatori alla vigilia della delicata gara di Cava e salutata, al termine, da un fragoroso applauso di tutti i presenti. Nel Savoia sarà indisponibile il giovane esterno di difesa Viglietti che da tempo è alle prese con problemi al menisco sinistro e non si esclude, a breve, il ricorso ad un intervento chirurgico. Out anche Mocerino febbricitante già da ieri sera e che questa mattina ha saltato la rifinitura. La trasferta è l’ennesima vietata ai tifosi di Torre Annunziata. La Cavese ha decretato, per l’occasione, la giornata azzurra: non saranno validi abbonamenti e ingressi a qualsiasi titolo. Tutti passeranno dal botteghino. L´avversario In serie utile dal lontano primo dicembre, la Cavese occupa attualmente la terza posizione in classifica frutto di dieci vittorie, nove pareggi e solo tre sconfitte…tutte campane. Savoia, Battipagliese al Lamberti e Torrecuso i giustizieri degli aquilotti. Terzo attacco del girone con 44 reti, sesta difesa con 25 gol al passivo. L’attaccante Gerlando Contino e i centrocampisti Cerchia e Romano sono gli acquisti over del mercato invernale insieme ai giovani Romano, Montagna e Silvestro. Hanno lasciato la maglia bianco blu, l’ex Savoia Borrelli, e gli under Attore, Giordano, Loffredo, Scognamiglio, De Caro e Ostieri. I precedenti Solo sei i successi del Savoia in venti incontri disputati a Cava dei Tirreni. Quattro i pareggi. L’ultimo, la stagione scorsa, finì con un zero a zero e tanto rammarico per i bianchi che sciuparono una buona occasione per insediarsi nei primissimi posti della classifica. La vittoria manca da oltre quarant’anni. Era la stagione 1969-’70 quando una delle più belle versioni della storia del Savoia si impose per un gol a zero grazie ad una prodezza di Malvestiti. A fine stagione i bianchi approdarono in serie C, sia pure a tavolino per un illecito della Turris. Ricordiamola tutta, quella squadra: Nodari (Boesso), Crocco, Bechelli, Griffi, Pappalettera, Busiello, Villa, Flaborea, Peressin, Malvestiti, Eco. Allenatore Zanotti, i fratelli Russo al comando della società.