A cura della Redazione
Batosta del giudice sportivo: Savoia-Rende a porte chiuse. Ricorso del club Savoia-Rende a porte chiuse. L´incontro in programma al Giraud domenica 12 gennaio, e valevole per la seconda giornata di ritorno del girone I di serie D, si disputerà senza la consueta cornice di pubblico. Lo ha deciso il giudice sportivo in seguito ad una serie di episodi verificatisi domenica scorsa allo stadio "Ocone" di Ponte (Bn), in occasione del match contro il Torrecuso. La società torrese, tra l´altro sanzionata anche con duemila euro di ammenda, ha deciso di presentare ricorso alla Corte di Giustizia Federale, che si pronuncerà nella giornata di giovedì 9 gennaio. Di seguito, le motivazioni del GdS. Euro 2.000,00 SAVOIA 1908 S.R.L.S.S.D. Per avere propri sostenitori in campo avverso: - nel corso del secondo tempo, fatto oggetto uno degli assistenti arbitrali del lancio di sputi, oggetti di vario genere, spruzzi di acqua e di altri liquidi; - determinato il ritardo dell´inizio della gara per essersi alcuni di essi (circa 10) riversati sul terreno di gioco al fine di montare uno striscione sulla rete di recinzione; - causato l´interruzione della gara, dopo che erano trascorsi alcuni secondi dal suo inizio, in quanto presenti sul terreno di gioco, tentavano di montare un altro striscione; - acceso nel proprio settore numerosi fumogeni; - posizionatisi, per l´intero svolgimento della gara a cavalcioni sulla rete di recinzioni, divelto la stessa per circa 20 metri nonché i paletti che la sostenevano, tanto da cerare un varco per l´ingresso libero sul terreno di gioco che gli stessi invadevano al termine della gara per festeggiare i calciatori della propria squadra. Si fa obbligo di risarcire i danni se richiesti e documentati.