A cura della Redazione
Il Savoia tra mercato ed un addio eccellente Il gruppo Luce ha acquisito anche formalmente l’intero pacchetto azionario del Savoia. Nella giornata di lunedì sono state espletate tutte le formalità del caso con il passaggio delle quote a Quirico Manca - che sarà amministratore unico -, Gianluca e Dino Marciano, Orlando Santaniello e Mario Luce: a ciascuno è andato il venti per cento delle azioni. Sempre a Manca sono stati consegnati il bilancio 2012 e la situazione contabile al 30 aprile di quest’anno. All’avvenuto passaggio di proprietà segue, purtroppo, un’altra ufficializzazione, stavolta dal calciomercato. Guarro lascia. Una notizia che non avremmo voluto mai pubblicare. Il capitano smette la maglia bianca. Era nell’aria ed è accaduto. Così, dopo la riconferma di un mese fa, per preciso volere di Feola, Simonetti ha fatto marcia indietro e sciolto il legame con il giocatore. Giudicati troppo risicati gli spazi nello scacchiere tattico del tecnico di Somma Vesuviana, preferendo, lo stesso, schierare come esterno basso a sinistra un under con Tiscione ad occupare l’altro posto potenzialmente utile per il mancino nostrano. Una concorrenza evidentemente giudicata nociva per lo spogliatoio e per lo stesso giocatore. A breve sapremo dove si è accasato, con il Messina (Lega Pro) in vantaggio. Mercato. Ufficializzato l’ingaggio di dodici atleti. La colonia del Gladiator con il portiere Maiellaro (under), i difensori Mocerino (under) e Terracciano, i centrocampisti Longo, Bizzarro e Di Pietro, l’attaccante Del Sorbo. Ed ancora, Tiscione, estrosa punta del Città di Messina, il funambolico torrese Scarpa, che è sceso di ben due categorie pur di vestire la maglia bianca, il mediano Ruscio proveniente dalla Casertana ma con ben 238 presenze in C2 tra Vibonese, Juve Stabia, Grosseto, Massese e Catanzaro, i giovani Esposito, seconda linea del San Giorgio di cui si dice un gran bene, e Panariello, terzino del Termoli. Le trattative. Sembrava chiuso il discorso per il fortissimo centrocampista Edoardo Catinali - oltre duecento presenze tra serie B e C1 ma, al momento della firma, il giocatore, reduce da cinque mesi di squalifica per vicende legate al calcioscommesse, ha preferito prendere ancora tempo. In caso di rifiuto (ma il diesse Simonetti si dice sereno sul buon esito della trattativa), sarebbe già pronta l’alternativa individuata nell’ex materano Cruciani su cui, però, la Salernitana è in vantaggio. La stessa società granata ha un’opzione anche su Rinaldi, pure cercato dal Savoia. Sicuro, invece, l’ingaggio di un altro ex Gladiator, il mediano Criscuolo. Momento di impasse per il giovane Gargiulo della Juve Stabia: lo stallo è legato al fatto che si cerca un classe 1995, ed il centrocampista è di un anno più “vecchio”. Sulla punta centrale si “balla” ancora, con un’unica certezza: non sarà Simone Tiribocchi, che non può essere considerato nemmeno un rumors dal momento che non è stata mai presa in considerazione nemmeno l’ipotesi di un suo possibile ingaggio. Tramontata la trattativa con Olcese, legatosi alla Battipagliese, si valutano Taddeucci, 24 gol con la Massese nello scorso campionato, ma su cui pesa l’incognita dell’adattamento ad un torneo meridionale, e Masini, bomber dell’Ischia da cui potrebbe arrivare anche Alfano, qualora non andasse a buon fine il progetto Catinali. Tuttavia, dal cilindro di Simonetti non è escluso che possa uscire anche il nome di un mister X quale nuovo numero nove dei bianchi. I raduni di Macera. Molto soddisfacente la risposta agli inviti del club volti a visionare i giovani della zona. Sia lunedì che mercoledì, al “Giraud” ed al “Vesuvio” di Torre del Greco, numerosissimi sono stati gli atleti che hanno voluto cimentarsi sotto l’occhio vigile del responsabile del settore Gianni Macera, che ha tratto indicazioni molto utili per il suo lavoro. MATTEO POTENZIERI (dal settimanale TorreSette del 12 luglio 2013)