A cura della Redazione
Scuola Calcio Azzurri, Barry Hunter del Manchester City scopre nuovi talenti Si è parlato molto inglese al centro sportivo Parco Carolina. Tanti bambini della scuola calcio Azzurri si sono cimentati in saluti tipici quali “good evening”, “welcome” e qualcuno addirittura in un elegante “nice to meet you”. Tutte rivolte ovviamente a Barry Hunter, osservatore ufficiale del Manchester City giunto in Italia martedì per visionare, come lui stesso ha dichiarato, “i giovani del sud”. Oramai la qualità del lavoro svolto dall’equipe di Enzo Raiola ha superato lo stretto della Manica, tanto da far smuovere importanti personaggi del panorama calcistico europeo. Ma la sorpresa è stata doppia quando al fianco del gigante irlandese, tutti hanno potuto scorgere Claudio Sclosa, indimenticato campione di Torino e Lazio che adesso è un collega italiano di Barry Hunter: capo osservatori della Juventus. I piccoli Azzurrini cosi hanno avuto la soddisfazione e la gioia di essere visionati da persone che sanno cosa vuol dire essere campioni veri. Un plauso al presidente storico della Scuola Calcio Azzurri, prof. Giuseppe Cirillo, per aver dato lustro e blasone alla compagine oplontina, e a tutti gli allenatori che quotidianamente cercano di infondere la giusta mentalità a questi ragazzi in età evolutiva. Il responsabile tecnico, Stefano Cirillo, a fine serata, ha espresso delle considerazioni particolari: “L’equipe Raiola è una famiglia, e il lavoro che svolgono sia Sandro Martone che Giuseppe Matacena è di una qualità davvero non comune!”. E adesso, tutti a fare le valigie perché venerdi 2 marzo si parte per Vinovo con le categorie ´98, ´99 e 2000, che saranno impegnate in affascinanti sfide contro i pari età della Juventus. Nella foto piccola, Barry Hunter con Stefano Cirillo Clicca quì per la FOTO GALLERY