A cura della Redazione
Oplonti volley, punto scacciacrisi Oplonti volley sconfitto per 3 a 2 in trasferta. Un punto che alla vigilia i torresi avrebbero sottoscritto, ma che alla luce di come è andata la gara lascia un po’ di amaro in bocca. E’ questo in sintesi il resoconto del match che ha visto gli oplontini soccombere in casa del Baiano. Gli avellinesi, infatti, erano orfani di due elementi preziosi quali il palleggiatore Fabio Boninfante ed il centrale Arturo Pagano, vecchie conoscenze dei campionati di serie B. Nonostante le assenze, però, i padroni di casa schierano un sestetto competitivo, grazie ad un roster di qualità. Il primo set vede i torresi sempre a condurre e chiudere senza troppe difficoltà. Secondo e terzo parziale con il Baiano che fa valere l’efficacia dell’ottimo servizio ed una difesa molto attenta. L’Oplonti paga, invece, una ricezione imprecisa che si riflette sulla qualità del gioco. Quarto parziale caratterizzato da una reazione generosa da parte dei ragazzi del presidente Arpaia, che portano la gara al quinto e decisivo set. Equilibrio fino al cambio campo, con i padroni di casa in vantaggio per 8-7, poi si spegne la luce per gli oplontini ed il Baiano si aggiudica set e partita. Il punto conquistato dall’Oplonti permette, comunque, di mantenere il distacco di due punti dal terz’ultimo posto in una classifica molto corta e piena di insidie, ma resta la consapevolezza che si poteva fare di meglio in questa gara e dare una svolta positiva alla stagione. Sabato trasferta a Sparanise contro la penultima in graduatoria, in un campo tradizionalmente ostico con un pubblico caloroso. Ci sono in palio tre punti che potrebbero risultare decisivi per la salvezza, e servirà un Oplonti più determinato e con prestazioni meno altalenanti. Il Baiano, dal canto suo, con questo mezzo passo falso compromette decisamente la rincorsa ai play-off. gi. gu.