CASTAGNE
Volete conservare le castagne? Eliminate quelle bacate, immergete quelle sane in acqua che dovrà essere cambiata quotidianamente per almeno dieci giorni. Poi asciugatele e tenetele in un luogo secco e buio muovendole di tanto in tanto.
Comprate ora delle belle castagne, incidete la pelle e riponetele in un sacchetto che metterete in freezer. Quando vi verrà voglia di caldarroste, basterà procedere come al solito, senza nemmeno bisgono di scongelarle.
Volete dare ai vostri capelli un riflesso ramato? Fate un decotto con le bucce delle castagne, lasciate a macerare nell’acqua di cottura per circa mezz’ora. Filtrate e versate il liquido sui capelli biondi e castani dopo l’ultimo risciacquo dello shampoo.
Buttate le castagne “matte” nel caminetto, dopo aver fatto un taglio nella buccia, per ottenere una fiamma viva.

FIORI
Per non rischiare che i libri ingialliscano chiusi in un baule, mettete tra le pagine qualche foglia di alloro.
Prima di mettere in un vaso pieno d’acqua i fiori recisi dal fusto legnoso come, per esempio, giacinti o anemoni, schiacciate con le dita leggeremente gli steli negli ultimi centimetri. In questo modo ne rompete i tessuti, sfibrandoli un poco, e farete penetrare meglio l’acqua.
I fusti del garofano vanno tagliati di volta in volta appena sopra uno dei “nodi” che si trovano nello stelo: dureranno di più.
Per stupire gli ospiti con un originale centrotavola, immergete le corolle dei fiori in un’insalatiera piena d’acqua e mettetela in freezer. Si formerà un blocco di ghiaccio che ingloberà tutti i fiori. Toglietelo dall’insalatiera e mettetelo al centro della tavola su un piatto. Rimarrà intatto per ore.