IN CUCINA E...
Prima di lavare pentole e padelle molto unte, togliete i residui di sporco con pagine di giornale o carta da pacco opaca appallottolata: questo vale soprattutto se poi mettete le pentole nella lavastoviglie.
Quando si devono pulire le verdure, stendete sul tavolo un giornale aperto, che raccolga tutti i rifiuti, liberando in un solo colpo la vostra tavola.
Se, per sbaglio, della carta si è appiccicata sul legno della vostra scrivania, non grattatela via con la lama di un coltello o delle forbici. Versateci, invece, sopra, goccia a goccia, dell’olio di oliva, aspettate mezz’ora e sfregate con un panno morbido. Ripetete l’operazione fino a quando la carta sarà rimossa. Qualora ce ne fosse ancora bisogno, usate un mestolo di legno che non graffia la superficie della scrivania.

LATTE SUPERSTAR
Un bel bicchiere di latte bollito, messo all’interno di un vecchio mobile, rimuove gli odori sgradevoli che il tempo ha lasciato. Fare attenzione a chiudere bene le ante dell’armadio. Togliete il bicchiere solo quando il latte si sarà completamente raffreddato. Gli odori sgraditi non ci saranno più.
Per pulire senza fatica il legno di un tavolo laccato basta usare solo un panno ben inumidito nel latte.
E’ utile ricordare che il latte cagliato serve alla perfezione per pulire a fondo e lucidare bene l’argenteria.
Avete sporcato la cartella in pelle con la penna biro o con la stilografica? Provate a smacchiarla tamponando con un batuffolo di cotone imbevuto di latte: è il detergente ideale, perché pulisce senza togliere il lucido della pelle.
Per evitare l’aciditànel ragù, aggiungetevi mezzo bicchiere di latte.