A cura della Redazione
Elezioni regionali 2015, i dati dei Comuni vesuviani e costieri

Il Partito Democratico torna ad essere la lista più votata a Torre del Greco. Alle elezioni regionali 2015, i Demo sopravanzano Forza Italia di 0,75 punti percentuali, raccogliendo 5.521 preferenze a fronte delle 5.265 dei berlusconiani. Poco più giù, il MoVimento 5 Stelle con 4.881 voti. Loredana Raia, candidata torrese dei Dem al Consiglio regionale, fa incetta di preferenze con 2.763 voti, risultando la più votata nella città corallina. Bene anche i due candidati del M5S Clementina Sasso (oltre 1.500 preferenze) e Marco Manna (1.372 preferenze). Ottimo anche il responso delle urne per l'assessore Alessandra Tabernacolo (Fratelli d'Italia), con 1.770 preferenze.

Tra i presidenti, in controtendenza rispetto al dato regionale, si impone nettamente Stefano Caldoro (centrodestra) che sfiora il 50 per cento dei consensi. Vincenzo De Luca, candidato del centrosinistra, raccoglie il 30 per cento. Buona l’affermazione di Valeria Ciarambino con il 17 per cento.

A picco l’affluenza, con il 45 per cento dei votanti, 11 punti in meno rispetto alle Regionali 2010.

A Pompei si impone il Pd, con oltre il 20 per cento, seguito da Forza Italia (19 per cento) e MoVimento 5 stelle (17 per cento). Exploit della candidata consigliere locale dei grillini Virgina La Mura, la più votata in assoluto con 693 preferenze. Attilio Malafronte, candidato al Consiglio regionale con la lista Campania in Rete, porta a casa 481 voti.

Gli altri Comuni vesuviani. A Trecase vince Caldoro con il 48,77 per cento. De Luca si ferma al 33 per cento. Prim o partito Forza Italia, con il 28,82 per cento. Il Pd si attesta al 19,54 per cento. Buono il risultato dei 5 Stelle, con il 15 per cento (la candidata presidente Ciarambino ha ottenuto il 16.26 per cento).

Anche a Boscoreale, netta affermazione di Caldoro con il 50 per cento dei consensi, De luca raggiunge il 34 per cento, Ciarambino il 14 per cento. Il Pd primeggia tra le liste, distanziando di oltre 400 preferenze Forza Italia (2.260-1.820). Boom del candidato consigliere locale del Pd Mario Casillo, con 1.439 preferenze.

A Boscotrecase, Caldoro vince su De Luca con un scarto di circa 16 punti percentuali.  Ciarambino al 16,54 per cento. Tra le liste, il Pd supera la soglia del 20 per cento ed i grillini diventano il secondo partito con il 16,63 per cento. Forza Italia (12,78 per cento) viene sopravanzata da Noi Sud (13,8 per cento).

Infine, affermazione di De Luca a Castellammare di Stabia con il 39 per cento, due punti in più rispetto a Caldoro. Il Pd è il primo partito con oltre il 24 per cento, seguito da Forza Italia (20,25 per cento) e M5S (18 per cento)

In tutti i Comuni si registra un forte calo dell’affluenza rispetto alle Regionali di cinque anni fa.