A cura della Redazione
Il Partito Democratico verso l´apertura al sindaco e ad altri gruppi consiliari «Siamo favorevoli all´ingresso nel partito di nuove realtà cittadine». E´ la conclusione a cui si è giunti ieri sera nella riunione del Comitato direttivo del Partito democratico di Torre Annunziata. In quell´ambito è stata approvata la linea politica che prevede l´attivazione di una serie di incontri, concertati con la segreteria provinciale, con personalità, consiglieri comunali e gruppi politici che intendono aderire al Partito democratico. Agli inizi della prossima settimana si riunirà la segreteria del partito per calendarizzare gli incontri e per aprire una nuova fase che vedrebbe il partito assumere dimensioni ben più consistenti di quelle attuali. Facendo un po´ i conti, infatti, almeno quattro consiglieri comunali sarebbero già nell´orbita del Pd: Antonio Gagliardi e Luigi Cirillo, ex Italia dei Valori, e Enzo Ascione e Francesco Anzalone, del movimento Progressisti e Democratici. A questi si potrebbero aggiungere due dei tre consiglieri di Centro Comune (Enzo Sica e Antonio Pallonetto). Ma la ciliegina sulla torta sarebbe l´adesione del sindaco Giosuè Starita, che già avrebbe manifestato questa sua volontà al segretario provinciale del Pd Carpentieri in un recente incontro avuto a Napoli. E se ciò fosse vero, con il sindaco potrebbero transitare nel Partito democratico almeno altri tre consiglieri a lui legati: Raffaele De Stefano, Rocco Manzo e Domenico Ossame, questi ultimi due oramai in rotta con i loro rispettivi partiti, Centro democratico e UdC. Tirando le somme, il Pd si troverebbe con ben 11 consiglieri comunali più il sindaco. Come a dire quasi la maggioranza in consiglio comunale. Un´ipotesi non troppo fantasiosa che sconvolgerebbe l´assetto politico istituzionale in seno all´amministrazione comunale, con il Partito democratico che tornerebbe, almeno dal punto di vista numerico, agli anni d´oro, quando con il sindaco Francesca Maria Cucolo, nel 1995, elesse 11 consiglieri, e con Starita, nel 2007, ottenne 14 consiglieri (7 eletti nei Ds e 7 nella Margherita). Fantasie politiche o concrete realtà? Lo sapremo presto.