A cura della Redazione
Giosuè Starita al contrattacco: «Pregiudicato nelle liste di Sica» All´indomani dell´incontro promosso dal Partito Democratico, a cui ha partecipato l´onorevole Rosy Bindi, che ha attaccato Giosuè Starita (foto) per il trasformismo messo in atto dall´attuale primo cittadino, arriva la replica proprio di Starita. «Mi sarei aspettato che si parlasse del perché un sindaco, 12 consiglieri, diversi assessori, diversi dirigenti, molti iscritti e tanti altri simpatizzanti hanno deciso di lasciare il partito - scrive Starita -. Invece si è preferito, ancora una volta, limitarsi a parlare di trasformismo, nascondendo sotto il tappeto il proprio marciume e le proprie responsabilità oggettive». Un attacco duro nei confronti del Pd, ex partito del sindaco, ma anche verso il candidato sindaco appoggiato dal Pd e da altre quattro liste, Vincenzo Sica. «Mi sarei aspettato che si parlasse del perché si promuove un candidato che sui manifesti si fregia del titolo di sindaco, pur non essendolo, solo per il piacere di solleticare una sua vanità accompagnata da sterile megalomania», dichiara ancora Starita. Poi, una pesante accusa mossa nei confronti di Sica. «Mi spiace che alcuni esponenti regionali e nazionali del Pd - prosegue Starita - vengano in città a pontificare sul voto pulito e sull’etica morale non sapendo che il proprio partito sta appoggiando un candidato sindaco che non si è fatto scrupoli ad accettare il sostegno, candidandolo tra le proprie liste, di un personaggio attualmente in regime detentivo per traffico internazionale di sostanze stupefacenti in combutta con i cartelli malavitosi internazionali dediti a tali pratiche. Un candidato sindaco che vede “opacità” negli altri non capendo che sta guardando semplicemente se stesso allo specchio». La campagna elettorale entra nel vivo, con un fuoco incrociato tra i candidati sindaci che rischia di incattivire il clima politico alla vigilia di un appuntamento importante per il futuro della città. Torre Annunziata resta sempre sopraffatta dai tanti problemi che l´affliggono. Che, però, sembra non interessino a nessuno.