A cura della Redazione
I Verdi con Gagliardi, «Governare per il bene dei cittadini». Arriva Di Pietro Gli ecologisti a sostegno della candidatura a sindaco di Antonio Gagliardi. Scendono in campo i leader nazionali in questi ultimi giorni di campagna elettorale. Ieri sera, presso la sede del Nuovo Centrosinistra in corso Vittorio Emanuele III, c’è stato un incontro con il presidente nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, il segretario regionale degli ambientalisti, Francesco Borrelli, il coordinatore cittadino Giuseppe Oliva e il candidato sindaco Antonio Gagliardi. Al centro della discussione, i temi ambientali. «La Campania è una terra avvelenata - ha sottolineato Bonelli, che è anche candidato sindaco a Taranto (dove c’è il grande problema legato alla dispersione di diossina dalle acciaierie) -. Il problema è che l’illegalità e l’inquinamento sono stati istituzionalizzati, facendoli passare per legali. La discarica di Cava Sari a Terzigno ne è un esempio lampante. Come è possibile sversare migliaia di tonnellate di rifiuti in un’area protetta quale è il Parco Nazionale del Vesuvio? Purtropppo, a pagarne le consguenze sono i cittadini che, addirittura, sono passati dalla parte del torto. L’area è stata completamente militarizzata e così non è possibile conoscere neanche i dati relativi all’inquinamento provocato dallo sversatoio - ha affermato ancora il massimo esponente dei Verdi -. Siamo dinanzi ad un vero e proprio attentato alla legalità». Ad ascolatere le parole di Bonelli anche una delegazione delle Mamme Vulcaniche di Boscoreale, le donne che da anni lottano contro la presenza della discarica a pochi passi da casa loro. «Le attività inquinanti presenti sul territorio campano, ed in particolare in questa area - prosegue Bonelli - sono elevatissime. Eppure non mi spiego perché la Regione non abbia istituzionalizzato un registro dei tumori ed ordinato indagini epidemiologiche. Il motivo di questo lassisimo, in realtà, è ben motivato. Se venisse confermato un legame diretto tra inquinamento ed incremento delle patoglogie, specie quelle tumorali, i cittadini avrebbero a disposizione “prove” inattaccabili nelle aule giudiziarie. Questo, naturlamente, sarebbe sconveniente per i governanti». Sul piano prettamente politico, Bonelli plaude alla coalizione del Nuovo Centrosinistra a Torre Annunziata. «E’ un ottima scelta quella di riunire la sinistra in un unica alleanza. Si tratta di un segnale importante anche nei confronti del Governo Monti, che sta letteralmente impoverendo il Paese. I ricchi diventano sempre più ricchi, ed i poveri sempre più poveri. Da Torre arriva, invece, il segnale che un’alternativa c’è, ed è quella del buon governo e dell’attenzione ai reali bisogni dei cittadini, soprattutto quelli più in difficoltà». «Ringrazio Giuseppe Oliva per il lavoro fatto qui a Torre Annunziata - afferma il segretario regionale dei Verdi, Borrelli -. Grazie a lui siamo diventati, qui, una forza politica che ha come obiettivo quello di governare e farlo bene. Siamo orgogliosi della nostra coalizione e del candidato sindaco, Antonio Gagliardi, che presentiamo ai cittadini. Questa città ha bisogno di rompere con vecchi schemi opportunistici della politica, rappresentati dall’attuale sindaco Starita. Stiamo portando avanti una piccola rivoluzione nell’interesse della collettività. Possiamo vicncere questa battaglia, proprio come accaduto a Napoli con de Magistris». A fare gli onori di casa, il candidato sindaco Antonio Gagliardi, che ha sottolineato la coerenza che caratterizza l’intera coalizione. «Abbiamo approntato un programma che mostra grande attenzione verso le tematiche ambientali - ha dichiarato Gagliardi -. Completamento della raccolta differenziata su tutto il territorio cittadino con l’introduzione di premialità mediante i conferimenti presso l’isola ecologica. Cura del verde cittadino per una città fiorita. Affidamento in convenzione di aiuole cittadine a scuole cittadine, associazioni, commercianti. Rimozione delle tonnellate di rifiuti indifferenziati lungo la spiaggia Salera. Contrasto alla formazione di minidiscariche abusive attraverso la sorveglianza di guardie ambientali e videosorveglianza. Questi sono alcuni dei punti che attueremo quando governeremo la città. Insieme - conclude Gagliardi - possiamo farcela. Abbiamo dalla nostra la coerenza e la dignità. I cittadini ci premieranno per questo». Intanto, questo pomeriggio, alle ore 17,30, sarà a Torre Annunziata il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro. L’ex magistrato incontrerà i cittadini al Circolo Professionisti e Artisti di corso Umberto I,35. Poi, passeggerrà per le strade della città e si intratterrà fino alle ore 19,30. La carrellata dei big a sostegno di Gagliardi non si ferma qui. Il 30 aprile è previsto l’arrivo del leader di Sinistra Ecologia Libertà, Nichi Vendola.