A cura della Redazione
Progetti e realizzazioni: le mancate promesse del sindaco Starita Torre Annunziata: quella che avrebbe dovuto essere e quella che invece è! Non parliamo del libro dei sogni che ogni candidato a sindaco presenta all’inizio della sua campagna elettorale. Oramai nessuno, o quasi, ci crede più, soprattutto se i progetti sono faraonici. Ci riferiamo, invece, alle dichiarazioni rilasciate nel corso della consiliatura da parte del primo cittadino Giosuè Starita o di qualche altro amministratore, puntualmente disattese come dimostrano i fatti che vi stiamo per raccontare. Caserma dei Carabinieri nella scuola elementare del rione Penniniello Il 23 settembre del 2009, il sindaco Giosuè Starita, durante la cerimonia di commiato del comandante provinciale uscente dei carabinieri Gaetano Maruccia, svoltasi a Palazzo Criscuolo, dichiara che è sua intenzione ubicare la caserma dei Carabinieri nella scuola elementare del quartiere Penniniello. Proposta lodevole, ma a distanza di oltre un anno e mezzo cosa è stato fatto? Cinema Moderno L’acquisto del cine-teatro Moderno è un leit motiv che ricorre da diverso tempo. Nei Bilanci comunali degli anni scorsi sono anche stati stanziati i relativi fondi per l’acquisizione della struttura al patrimonio pubblico. Non ultima, è stata firmata una delibera per la partecipazione ai fondi Jessica allo scopo di riqualificare piazza Nicotera. E il Moderno? Quando verrà acquistato? Si ha ancora la volontà di farlo? Riqualificazione della fascia di costa Era intenzione dell’Amministrazione comunale effettuare un lifting della fascia di costa, per tramite di un Consorzio di 15 imprese. Si doveva partire, in primis, con l’ex capannone di proprietà comunale di circa 7 mila metri quadrati, a ridosso del cantiere Aprea-Ferretti. Secondo il progetto, l’edificio industriale doveva essere completamente ristrutturato e adibito, successivamente, a centro di formazione e ricerca, a supporto delle aziende nautiche che operano sul territorio. “Sarà creato un grande parco pubblico attrezzato - affermava il sindaco - con un centro sportivo completo di campi da gioco e piscina pubblica. Infine saranno realizzate strutture leggere per il turismo come chalet, bar e chioschi oltre ad un’area fieristica”. Questa dichiarazione risale al marzo 2009, due anni fa. Non parliamo delle realizzazioni, ma del progetto che ne è stato? Vasca d’alaggio Della realizzazione della vasca di alaggio a supporto dei cantieri nautici che operano sul territorio (Air Naval, Gagliotta, Peninsula Navis, Nisida Yacthing, ad esclusione di Aprea che ne ha una propria) se ne parla in un manifesto di sei mesi fa, fatto affiggere dall’attuale Amministrazione, nel quale veniva riportato che tale opera rientrava tra le sue realizzazioni. Era un miraggio? Certo è che della vasca d’alaggio, i cui lavori furono anche appaltati, non se ne sente più parlare. Ex Parco Cristo Re Un altro progetto di cui si parla da quasi un decennio, quando l’allora consigliere provinciale Alberto Fruccio riuscì a far stanziare dalla Provincia di Napoli circa due miliardi di lire. Finito il suo mandato, i fondi furono dirottati verso altre opere, visto che alle elezioni successive non fu eletto nessun rappresentante di Torre Annunziata. Circa un anno fa, l’argomento è ritornato di attualità. Il neo eletto consigliere regionale Raffaele Sentiero e il sindaco Giosuè Starita si sono recati alla Provincia e, attraverso l’assessore al Demanio, Antonio Iervolino di Noi Sud, riescono ad ottenere, a detta loro, un finanziamento di 900 mila euro. Bene, a tutt’oggi, però, non si sa niente né di tali fondi e né dell’appalto dei lavori che sarebbero dovuti iniziare a breve. Centro commerciale di via Tagliamonte Diciotto box commerciali messi in vendita per ben due volte ma che non hanno trovato mai acquirenti. Di fronte a questi insuccessi, l’unico tentativo per aprire le saracinesche dei diciotto locali era quello di darli in fitto, pur con le dovute garanzie. Ebbene, di questa proposta se ne sta parlando da oltre un anno, ma finora nulla è stato fatto. “A giorni dovrebbe essere pronto finalmente il bando - assicurava l’assessore al Patrimonio, Michele Cuomo, in un’intervista del 10 settembre 2010 pubblicata sul nostro giornale”. Visto che Cuomo non è più assessore da mesi, chi dovrà rispondere di questa inadempienza? A quando la pubblicazione del bando? Ponte di via Sepolcri Abbattuto nel 2006, nel giro di qualche mese avrebbe dovuto esserne installato un altro. Tutti sanno come sono andate le cose... Dopo tante vicissitudini, a febbraio di quest’anno, dietro sollecitazione del consigliere regionale Raffaele Sentiero, si è avuto un ennesimo sopralluogo con l’assessore regionale a Lavori Pubblici e Protezione Civile, Eduardo Cosenza. “I tempi per la riapertura di via Sepolcri saranno rispettati, a marzo 2011 termineranno i disagi per i cittadini di Torre Annunziata e Boscotrecase”. E’ stata questa la dichiarazione del consigliere regionale Sentiero all’indomani del sopralluogo. Marzo è trascorso e del ponte non v’è traccia! Ora la promessa è stata spostata a “entro l’estate”... Prolungamento via dei Mille Senza voler fare dietrologia sui fondi stanziati e poi revocati dalla Regione Campania per il prolungamento di via dei Mille, riportiamo una dichiarazione rilasciata dal sindaco Starita al giornale TorreSette sul numero del 14 maggio 2010. «Abbiamo messo in bilancio le risorse per il pagamento dell’esproprio di tutta l’area a verde circostante e ripristineremo i ponticelli di pietra lavica esistenti, in attesa del parere favorevole della Soprintendenza per la realizzazione del ponte di attraversamento del trincerone ferroviario». Peccato, perché tutte queste erano solo dichiarazioni non seguite da atti concreti per portare a termine questi progetti. ANTONIO GAGLIARDI (dal settimanale TorreSette del 27 aprile 2011)