A cura della Redazione
Due dubbi: agevolazioni tarsu e rilevatori Istat In una recente intervista su un quotidiano locale, l’assessore alle Finanze, Vincenzo Ascione, ha giustificato la mancanza di pubblicità delle agevolazioni sulla tassa dei rifiuti con il fatto che diversi commercianti hanno presentato un ricorso al Tar avverso alla delibera di approvazione del bilancio di previsione 2010. Secondo l’assessore, qualora il ricorso fosse accolto, l’unico risultato che si otterrebbe sarebbe quello di bloccare le agevolazioni previste sulla Tarsu, ma non di incidere sul suo aumento, approvato con il bilancio di previsione 2009. Infatti, il ricorso presentato si riferisce alla delibera di approvazione del bilancio di quest’anno, e non potrebbe essere altrimenti perché un eventuale ricorso avverso la delibera di aumento della Tarsu del 2009 andava presentato entro 60 giorni dalla sua pubblicazione, cosa che non è stata fatta a suo tempo. Pertanto, un eventuale accoglimento del ricorso presentato dai commercianti, avrebbe l´effetto di annullare le agevolazioni sulla tassa dei rifiuti, che riguardano ampie categorie di contribuenti a cominciare dagli stessi commercianti della zona franca urbana e, a seguire, i pensionati, i cassintegrati, i bassi percettori di reddito, i portatori di handicap, ecc.. Se così stanno le cose, e pensiamo che l’assessore non abbia tutti i torti nel fare quelle affermazioni, perché non ritirare il ricorso al Tar e dare la possibilità a centinaia di contribuenti di usufruire delle agevolazioni?
*****
“Il comune di Torre Annunziata cerca cinque rilevatori per il censimento degli edifici e la rilevazione dei numeri civici svolta dal comune di Torre Annunziata per conto dell’Istat”. Era questo l’Avviso di selezione pubblicato per soli titoli indetto dal comune oplontino con delibera di Giunta del 23 settembre 2010, pubblicato all’Albo Pretorio del Comune in data 30 settembre 2010, e pubblicizzato con manifesti solo il 7 di ottobre. “L’incarico di rilevatore - si legge nel bando - dovrà essere espletato nel periodo che va dal 30 novembre al 14 febbraio 2011, salvo diverse e successive disposizioni da parte dell’Istat". Era comunque richiesta la partecipazione ad incontri di formazione specificatamente organizzati, a decorrere presumibilmente dal 15 novembre 2010. Siamo a mercoledì 24 di novembre, giorno in cui andiamo in stampa con il giornale, e della graduatoria non si sa ancora nulla. Intanto il 30 novembre si avvicina, mentre è già trascorso il 15 novembre, giorno del probabile inizio degli incontri di formazione. Non riusciamo a capire il motivo di tutto questo ritardo nel pubblicare la graduatoria. Troppo complicato il sistema di assegnazione del punteggio? (Dal settimanale TorreSette del 26 novembre 2010) © Riproduzione riservata