A cura della Redazione
L´Unione di Centro non entra in maggioranza. Diffida di SEL al sindaco Starita L’Unione di Centro decide di restare fuori dalla giunta Starita-ter. E lo fa attraverso un comunicato firmato dal commissario cittadino, avv. Alfonso Arcamone. Allo stesso tempo il segretario regionale di Sinistra, Ecologia e Libertà, on. Peppe De Cristoforo, scrive al sindaco Giosuè Starita confermando la non adesione del suo partito al governo della città e diffidando chiunque dall´utilizzare il nome ed il simbolo di SEL quale partito impegnato nella maggioranza a Torre Annunziata. Comunicato stampa diramato dall´Unione Di Centro di Torre Annunziata in riferimento alle trattative per la formazione della nuova giunta Starita: Il partito dell’ Unione di Centro di Torre Annunziata, in merito alle diverse voci di un suo ingresso nella neonascente giunta Starita, fa presente che in alcun modo parteciperà ad un esecutivo dove si è consumato uno strappo netto di diversi consiglieri comunali rispetto alle forze politiche di provenienza. L’Unione di Centro, pur avendo tentato in alcuni incontri ufficiali il rilancio politico-amministrativo della giunta Starita, si è ben presto accorta della mancanza delle condizioni politiche fondamentali per l’ingresso in maggioranza: accordi personali avevano la prevalenza sulle ragioni della politica e si concludevano con la richiesta di espulsione del Sindaco ad opera del suo stesso partito. Riteniamo che la dialettica democratica in ogni Amministrazione politica debba incanalarsi nel rispetto delle regole, iniziando dalla chiara delimitazione dei perimetri d’azione delle coalizioni di governo, e dal netto distinguo tra maggioranza e minoranza. Pensiamo che i problemi della città richiederebbero maggiore responsabilità, lucidità e coesione, oltre che migliori energie, sia nella fase di progettazione che di esecuzione, per non dire degli inevitabili e forti riferimenti politici a livello sovracomunale. Ribadiamo, pertanto, su questa amministrazione valutazioni negative già altre volte espresse sugli organi di stampa ed in Consiglio Comunale rilevando che, ancora una volta, si è cambiato poco e male. All’uopo diffidiamo chiunque ad utilizzare il nome del partito Unione di Centro con l’unico scopo di acquisire incarichi e funzioni negli organismi di governo e sottogoverno. Il Commissario Cittadino Avv. Alfonso Arcamone Il testo della lettera che il segretario regionale di SEL ha fatto recapitare al sindaco Giosuè Starita: Egregio Signor Sindaco, la soluzione data alla crisi amministrativa di Torre Annunziata, costituisce per “Sinistra, Ecologia e Libertà” un incomprensibile e dannoso episodio di trasformismo, un sovvertimento del mandato che gli elettori Le hanno conferito nel 2007. Per queste ragioni il nostro partito è collocato all’opposizione di questa esperienza. Considero inutile soffermarmi sulle irrituali, anomale ed inconcepibili modalità che hanno connotato la nascita di questa spuria maggioranza; mi preme sottolineare, invece, che chiunque sostiene questa esperienza, sia nel Consiglio Comunale sia nella Giunta Municipale, non è, a nessun titolo, abilitato né a rappresentare né a parlare in nome e per conto di “Sinistra, Ecologia e Libertà”. Tanto premesso mi rivolgo a Lei anche per diffidare formalmente chiunque dall´utilizzare il nome ed il simbolo di SEL quale partito impegnato nell’attuale maggioranza al Comune di Torre Annunziata e nella Giunta municipale della medesima città. Il segretario regionale On. Peppe De Cristoforo