A cura della Redazione
I consiglieri dissidenti del Partito Democratico si autosospendono Clamoroso all´interno del Partito Democratico di Torre Annunziata. I cinque consiglieri comunali "dissidenti", Francesco Donadio (foto), che è anche capogruppo nell´Assise cittadina, Carmine Fabbrocini, Antonio Russo Guarro, Domenico Solimeno e Gaetano Veltro, si sono autosospesi dagli incarichi di partito. E´ molto probabile che, a questo punto, nel Consiglio comunale di oggi, annuncino la loro presa di distanza dal Pd e dalla linea politica portata avanti dal segretario Francesco Saverio Porcelli. I cinque consiglieri del Pd compongono, insieme a Davide Alfieri, Alfonso Contieri, Nunziato Di Capua e Michele Pinto (ApI), Antonio Amura, Enrico Boccia, Gioacchino Langella, Raffaele Sentiero (Noi Sud), e Angelo Stanzione (Udeur), la frangia che sostiene la presenza in giunta dell´assessore Francesco Cacace, esponente della lista di centrodestra Noi Sud. E nei giorni scorsi hanno firmato un documento nel quale chiedevano l´azzeramento dell´esecutivo e l´insediamento di un tavolo di concertazione, pur rimanendo convinti sostenitori del sindaco Giosuè Starita. Contrari, invece, a Noi Sud in giunta, i restanti partiti del centrosinistra, Pd, IdV e Sinistra Ecologia e Libertà.