A cura della Redazione
Elezioni regionali, è sfida a quattro. Il vademecum per il voto Quattro candidati alla Presidenza della Regione, diciassette liste, una schiera di cinquecentoventuno aspiranti consiglieri. Sono questi i numeri delle elezioni regionali del 28 e 29 marzo 2010, inerenti la circoscrizione provinciale di Napoli. Chi sarà il successore di Antonio Bassolino? A contendersi lo scettro di Governatore, Vincenzo De Luca per il centrosinistra (sostenuto da Sinistra Ecologia e Libertà, Partito Democratico, Lista Emma Bonino-Marco Pannella, Alleanza per l’Italia, Di Pietro-Italia dei Valori, Campania Libera, Verdi-Altro Sud) Stefano Caldoro per il centrodestra (appoggiato da La Destra, Udeur, Alleanza di Popolo, Il Popolo della Libertà, Unione di Centro, Noi Sud, Alleanza di Centro-Democrazia Cristiana, MpA-Nuovo Psi), Paolo Ferrero, in rappresentanza di Rifondazione e Comunisti Italiani, e Roberto Fico, del MoVimento Cinque Stelle-Beppegrillo.it. I cittadini campani si recheranno alle urne domenica 28 (dalle ore 8 alle ore 22) e lunedì 29 marzo (dalle ore 7 alle ore 15), per eleggere, dunque, il presidente della Giunta regionale ed i 60 membri del Consiglio Regionale. Per poter esercitare tale diritto, gli elettori dovranno presentarsi al seggio in cui sono iscritti a votare muniti di scheda elettorale e documento di riconoscimento valido. È proclamato eletto presidente della Giunta regionale il candidato che ha conseguito il maggior numero di voti validi in ambito regionale. Il presidente eletto è, di diritto, componente del Consiglio regionale, così come il candidato alla carica di presidente che consegue un numero di voti validi immediatamente inferiore a quello del candidato proclamato presidente. Il Consiglio Regionale si compone di 60 consiglieri eletti nelle rispettive circoscrizioni elettorali delle cinque province campane, così ripartiti: Napoli (32 consiglieri); Salerno (11); Caserta (9); Avellino (5); Benevento (3). I consiglieri vengono eletti con criterio proporzionale, sulla base delle liste circoscrizionali provinciali con applicazione di un premio di maggioranza legato al presidente eletto. In virtù del premio di maggioranza, le liste collegate al candidato proclamato eletto alla carica di presidente della Giunta regionale ottengono almeno il sessanta per cento dei seggi del Consiglio. Nel calcolo delle percentuali di seggi del Consiglio non è conteggiato il seggio che spetta al presidente eletto. La votazione per l’elezione del Presidente della Giunta regionale e per l’elezione del Consiglio regionale avviene su un’unica scheda. La scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di presidente, al cui fianco sono riportati, il contrassegno del gruppo di liste ovvero i contrassegni dei gruppi di liste riunite in coalizione con cui il candidato è collegato. Ciascun elettore può, con un unico voto, votare per un candidato alla carica di presidente e per una delle liste a esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste. Nel caso in cui l’elettore tracci un unico segno sulla scheda a favore di una lista, il voto s’intende espresso anche a favore del candidato presidente a essa collegato. Ciascun elettore può, altresì, votare per un candidato alla carica di Presidente, anche non collegato alla lista prescelta, tracciando un segno sul relativo rettangolo (cosiddetto voto disgiunto). L’elettore può esprimere, nelle apposite righe della scheda, uno o due voti di preferenza, scrivendo almeno il cognome dei due candidati consiglieri compresi nella lista stessa. La novità introdotta dalla legge elettorale della Campania promuove una maggiore presenza delle donne in Consiglio. Per questo, nel caso di espressione di due preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra, necessariamente, un candidato di genere femminile della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza. Chi avesse smarrito la propria tessera personale, potrà chiederne il duplicato agli uffici comunali che, a tal fine, saranno aperti da martedì 23 a sabato 27 marzo, dalle ore 9.00 alle ore 19.00, mentre domenica 28 e lunedì 29 marzo, giorni della votazione, per tutta la durata delle operazioni di voto.