A cura della Redazione
Elezioni 6 e 7 giugno: come e quando si vota Elezioni del 6 e 7 giugno, Sono 36.151 gli iscritti al voto chiamati alle urne a Torre Annunziata. Di questi, 17.291 sono maschi e 18.860, donne. Le istruzioni per il voto. Sabato e domenica gli elettori di Torre Annunziata votano per il rinnovo del Consiglio provinciale di Napoli e per l’elezione dei membri spettanti all’Italia nel Parlamento europeo. Vediamo, nello specifico, quali sono le modalità di voto. Come si vota per le Provinciali. La scheda è di colore giallo. Ciascun elettore può votare: 1) per uno dei candidati al Consiglio provinciale, tracciando un segno sul relativo contrassegno o sul nominativo del candidato (già prestampato sulla scheda in corrispondenza della lista di appartenenza). Il voto si intende attribuito sia al candidato alla carica di consigliere provinciale, sia al candidato alla carica di presidente della Provincia collegato; 2) per un candidato alla carica di presidente della Provincia, tracciando un segno sul relativo rettangolo; il voto si intende attribuito solo al candidato alla carica di presidente della Provincia. Non è ammesso il voto disgiunto, cioè esprimere contemporaneamente la preferenza per un candidato presidente e per un gruppo di candidati ad esso non collegato. In tal caso, il voto sarà nullo. E’ proclamato eletto presidente della provincia il candidato alla carica che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (il 50 per cento più 1 delle preferenze). Qualora nessun candidato raggiungesse tale maggioranza, si procede ad un secondo turno elettorale (ballottaggio) che ci sarebbe il 21 e 22 giugno; al ballottaggio sono ammessi i due candidati alla carica di presidente che al primo turno hanno ottenuto il maggior numero di voti. Dopo l’eventuale secondo turno è proclamato eletto presidente il candidato che ha conseguito il maggior numero di voti. Come si vota per le Europee. C’è un’unica scheda, di colore diverso a seconda della circoscrizione. Quella che ci interessa da vicino è la scheda color arancione per l’Italia del Sud (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria). Il voto di lista si esprime tracciando un segno sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta. I voti di preferenza (al massimo tre) si esprimono scrivendo il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti, compresi nella lista medesima; in caso di identità deve scriversi sempre il nome e cognome e, ove occorra, data e luogo di nascita. Non è ammesso il voto di preferenza con indicazioni numeriche. Quando si vota. Sabato 6 giugno, dalle ore 15.00 alle ore 22.00, e domenica 7 giugno, dalle ore 7.00 alle ore 22.00. Lo scrutinio dei voti per il Parlamento europeo inizierà a partire dalle 22.00 di domenica 7 giugno, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto; lo scrutinio dei voti per le Provinciali avrà inizio alle 14.00 di lunedì 8 giugno. Per poter esercitare il diritto di voto gli elettori dovranno esibire, oltre ad un documento di riconoscimento valido, la tessera elettorale personale a carattere permanente, che ha sostituito il certificato elettorale. Chi la avesse smarrita potrà chiederne il duplicato agli uffici comunali, che a tal fine saranno aperti dal lunedì al venerdì antecedenti l’elezione, dalle ore 9 alle ore 19, il sabato di inizio delle votazioni dalle ore 8 alle ore 22 e la domenica per tutta la durata delle operazioni di voto.