A cura della Redazione
I consiglieri del Pd contro "I Riformisti per il Mezzogiorno" Pubblichiamo, di seguito, il testo del manifesto affisso in città da parte di otto consiglieri comunali del Pd in risposta ad un altro a firma de "I Riformisti per il Mezzogiorno" dal titolo "I Riformisti e l´adesione al Pd di Torre Annunziata" (leggibile nella sezione "politica" del sito). Non hanno sottoscritto il manifesto i consiglieri Antonio Russo Guarro e Pietro Lucibelli. Ci risiamo….., ancora una volta i componenti di una pseudo-associazione, denominata Riformisti per il Mezzogiorno, riconducibili a persone a digiuno da lungo tempo dalla pratica di gestione del potere politico (manovratori oscuri), ci propinano un lungo comunicato stampa con il quale ci fanno la “grazia” di aderire al Partito Democratico. Infatti, dietro il “disagio etico-morale” manifestato da questi politici, si nasconde la loro nostalgia per un sistema di “potere” che in passato hanno gestito male e che oggi fortunatamente, in un nuovo partito, sta cedendo il passo alla passione di tanti uomini e donne onesti ed autonomi, liberi da qualsiasi logica di appartenenza. Un comunicato pieno di arroganza e rancore. L’adesione ad un partito è un atto di libertà, di coraggio ma anche di umiltà: è la scelta consapevole di uno strumento che ci deve aiutare a metterci al servizio degli altri. Di fronte ad una gravissima crisi economica che attraversa il mondo intero noi vogliamo essere portatori delle mille istanze, dei bisogni più essenziali che l’UOMO nella sua dignità più profonda deve poter soddisfare nel pieno rispetto delle Regole e della Legalità. Noi Consiglieri comunali, insieme a tutti i nostri dirigenti e rappresentanti politici, ci siamo dati un obbiettivo prioritario: rendere protagonisti i territori con le loro peculiarità, i loro bisogni e la loro necessità di essere rappresentati anche nelle istituzioni sovracomunali. Pur consapevoli delle estreme difficoltà rappresentate dalla nascita di un nuovo soggetto politico abbiamo accolto insieme ad altri con entusiasmo tale sfida riuscendo a raggiungere quasi il 40% dei consensi senza alcun contributo di chi oggi si erge a tutore di rigorosi principi etici. Noi vogliamo una vera svolta, vogliamo recuperare rapporti ed allargare la coalizione a forze politiche capaci di sottoscrivere un vero patto di solidarietà e di obiettivi comuni per condurre insieme la nostra Città ad un vero e proprio Risorgimento civile e morale. Il nostro Sindaco, la Giunta e molti Consiglieri della maggioranza sono già impegnati in questa difficile sfida; tocca al PD di Torre Annunziata adesso affiancarli e sostenerli liberandoci dagli orpelli della unità ad ogni costo. Di fronte ai ripetuti tentativi messi in campo da queste “orze pseudo-riformiste”, finalizzati esclusivamente a destabilizzare l amministrazione in un momento cosi delicato per le Città, invitiamo l On. Aldo Cennamo a scegliere la strada della proposizione positiva. Al commissario cittadino, che ringraziamo per il lavoro svolto, chiediamo di portare a termine il proprio mandato mettendoci da subito nelle condizioni di autodeterminare la nostra vita come organizzazione politica per affrontare le competizioni provinciali ed europee del 6 e 7 giugno con entusiasmo, serenità ed il grande senso di responsabilità ed appartenenza che ci ha sempre contraddistinti. I Consiglieri comunali del PD Donadio Francesco (capogruppo) Ammendola luigi Fabbrocini Carmine Raiola Giuseppe Ruggiero Aldo Iapicca Filomena Veltro Gaetano Solimeno Domenico