A cura della Redazione
Muore la direttrice delle Poste ferita gravemente da un suo dipendente Ultimissima E´ deceduta intorno alle ore 22 Anna Iozzino (foto). La direttrice dell´Ufficio postale di Torre del Greco di via Veneto non ce l´ha fatta. Troppo grave l´emorragia interna dovuta alle ferite provocate dai colpi di pistola esplosi da Cristofaro Gaglione, dipendente dello stesso Ufficio postale torrese, che stamattina ha compiuto il folle gesto. La donna è spirata all´ospedale Cardarelli di Napoli, dove era stata trasferita dall´ospedale Maresca di Torre del Greco vista la gravità della situazione, nonostante fosse stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico durato oltre cinque ore. Anna Iozzino lascia il marito Alfonso Esposito e due figli. Il direttore Giuseppe Chervino, il fondatore Antonio Gagliardi, l´editorialista Massimo Corcione e l´intera Redazione di TorreSette esprimono le più sentite condoglianze al marito ed ai due figli, ai fratelli Michele, presidente dell´AAF, editrice di TorreSette, Emilio e Mario. LA CRONACA E´ stato arrestato dagli agenti di polizia, dopo una caccia all´uomo durata cinque ore, Cristofaro Gaglione, 53 anni, il dipendente dell´Ufficio postale di Torre del Greco che stamani ha esploso quattro colpi di pistola all´indirizzo della direttrice Anna Iozzino, 54 anni di Torre Annunziata, già dirigente dell´Ufficio Postale oplontino di piazza Sandulli. L´uomo è stato avvistato e arrestato in via Prota, al confine di Torre Annunziata, e sembrerebbe non abbia opposto resistenza. E´ stato poi condotto in Procura dove lo sta ascoltando il pm. La pistola da lui usata era legalmente detenuta. Secondo quanto si è appreso, alla base del tentato omicidio ci sarebbe la decisione della direttrice di trasferire l´uomo ad un´altra mansione, dallo sportello all´ufficio raccomandate. Provvedimento che aveva scatenato una violenta lite, sabato mattina. Questa la prima ricostruzione dell´accaduto fatta dagli investigatori: il dipendente è giunto stamattina sul posto di lavoro, pochi minuti prima dall´apertura degli sportelli, intorno alle 8, dirigendosi verso la sala riunioni, dove era in corso quella di inizio giornata. Non appena ha visto la direttrice, ha estratto dalla cintola dei pantaloni una pistola sparando tre colpi.