A cura della Redazione
Abusi su 12enne in casa famiglia, arrestato il figlio del custode Avrebbe dovuto trovare riparo in quella casa famiglia di Torre Annunziata, dove era stata ospitata. Proprio lì, invece, è incappata nel suo violentatore, il 27enne figlio del custode, che ha abusato di lei per circa due anni, durante i turni di notte domenicali. Il giovane è stato arrestato oggi dagli agenti della Sezione Minori della Questura di Napoli con l´accusa di violenza sessuale e corruzione nei confronti di una minorenne. Secondo quanto emerso dalle indagini, la ragazzina ha subito gli abusi tra il maggio 2006 e il maggio 2008. Le violenze avvenivano tutte le domeniche, durante i turni di guardia notturna. Quando tutti dormivano, il 27enne prelevava la minore dal suo letto e, in un´altra stanza, abusava di lei. In questi due anni il giovane avrebbe mostrato un´assoluta insensibilità nei confronti della ragazzina, all´epoca dei fatti poco più che dodicenne. La ragazzina, fisicamente e psicologicamente immatura, era peraltro stata vittima di una storia familiare fatta di condotte vessatorie e atteggiamenti violenti. La polizia ha iniziato a indagare nell´ottobre dello scorso anno, quando la minorenne rivelò ai poliziotti la sua raccapricciante storia. La ragazzina aveva già espresso il suo disagio, nel marzo del 2009, agli assistenti sociali del Comune. L´uomo, approfittando della condizione di soggezione cui la minore si trovava, avrebbe abusato di lei, facendosi forte della sua incapacità e impossibilità di opporsi e contrastare la condotta di un soggetto adulto, molto più grande di lei sia anagraficamente che fisicamente, e comunque rappresentante l´autorità. Inascoltate erano rimaste le sue richieste per evitare di rimanere sola la domenica notte. E´ stato soltanto dopo essersi resa conto che le sue velate richieste di aiuto non erano state raccolte che la ragazzina ha deciso di confidarsi e chiedere aiuto. Fu così che, per sottrarsi al suo aguzzino, trovò il coraggio di scrivere, di proprio pugno, una lettera accorata poi consegnata a una delle operatrici della struttura. Nei confronti di A.M. gli agenti della sezione minori della squadra mobile hanno eseguito oggi un´ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura.