A cura della Redazione
L´ex di Amici, Catello Miotto, respinge le accuse: "Non fu stupro" Nessuna violenza. Solo un rapporto sessuale consenziente. E´ questa la linea difensiva sostenuta dagli avvocati di Catello Miotto, l´ex talento di "Amici" arrestato per violenza sessuale lo scorso 27 febbraio. Il 25enne, attualmente, si trova agli arresti domiciliari nella casa di sua madre, a Torre Annunziata, come disposto dal gip Franca Marinelli, dopo l´interrogatorio di garanzia del primo marzo. Catello sarebbe apparso al giudice visibilmente preoccupato per la pesantezza dell´accusa e per i risvolti che la vicenda potrebbe avere sulla sua immagine. Il giovane avrebbe ammesso di aver avuto un rapporto sessuale con l´ex moglie del suo amico. Aggiungendo, però, che non avrebbe "fatto nulla per forzare la donna". Motivo per cui l´ex ballerino di "Amici" ha sempre respinto l´accusa di violenza sessuale. Le dichiarazioni del giovane napoletano, però, contrastano con i graffi rinvenuti sul suo corpo, segni che gli inquirenti avrebbero indicato come risultati del tentativo di difesa della donna. La Procura, intanto, ha nominato nei giorni scorsi, un perito incaricato di condurre gli accertamenti sui segni sul corpo di Catello. Accertamenti che si svolgeranno parallelamente alle indagini avviate dalla difesa del ragazzo, sull´ambiente e il contesto in cui sarebbe avvenuta la violenza. Almeno per ora gli avvocati del giovane non intendono presentare un´istanza di scarcerazione.