A cura della Redazione
Lotta allo spaccio di droga, sei arresti nel quartiere "Provolera" Questa notte, blitz delle forze dell´ordine nel quartiere "Provolera", sotto l’influenza del clan camorristico “Chierchia Fransuà”, storicamente legato al clan "Gionta". I carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata, guidati dal capitano Luca Toti e dal tenente Francesco Panebianco, coadiuvati dalla C.I.O. del 10° Btg. “Campania”, a seguito di un servizio finalizzato alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto sei persone. Si tratta di Franecsca Caraviello, 54 anni, Giuseppina Marchesano, 35 anni, pregiudicata e figlia della Caraviello,Mohamed Jovini, nato in Tunisia ma residente a Torre Annunziata, di anni 43, anch´egli pregiudicato e marito della Marchesano, Felice Lustri, pregiudicato di 29 anni, Michele Chierchia, figlio di Francesco, affiliato all’omonimo clan camorristico, e Vincenzo Ametrano, 35 anni. I militari, dopo aver effettuato un servizio di osservazione, hanno bloccato due giovani acquirenti di droga, sequestrando loro otto dosi di cocaina e tre di marijuana. Le dichiarazioni testimoniali degli acquirenti hanno suffragato il quadro investigativo raccolto che ha permesso di trarre in arresto i sei soggetti e di individuare, in particolare, la Caraviello quale “reggente” della piazza di spaccio. Espletate le formalità di rito e le operazioni di fotosegnalamento, gli arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Compagnia carabinieri di piazza De Nicola, in attesa del rito direttissimo.