A cura della Redazione
Torre del Greco - "Ricicla e vinci", iniziativa nelle scuole elementari

“Riciclando s’impara”: questa è stata la filosofia dell’iniziativa rivolta agli alunni delle classi elementari di Torre del Greco e organizzata da Gabiele Pontillo, concessionario di zona Garby, grazie al supporto del Comune di Torre del Greco. Tre gli istituti che hanno partecipato alla gara “Ricicla e Vinci”: la “Francesco d’Assisi” di viale Campania, la “Giovanna Mazza” di via Vittorio Veneto e la “Nazario Sauro” di via Circumvallazione. Le classi vincitrici sono state premiate pubblicamente presso Palazzo Baronale di piazza Plebiscito, storica sede del Comune di Torre del Greco. La classe arrivata prima ha vinto una visita guidata agli stabilimenti della “Erreplast Srl”, azienda campana che trasforma in materia prima secondaria le bottiglie in PET trasparente e colorato conferite negli eco-compattatori. La seconda classificata, invece, ha ricevuto in omaggio dei gadget Garby e materiale didattico. I tre eco-point Garby che hanno offerto il “terreno di gioco” per la competizione sono stati quelli installati presso le scuole elementari che hanno partecipato all’iniziativa. Grazie al progetto, i bambini hanno poututo vivere il riciclo come un gioco, quindi divertendosi, e grazie alla visita hanno potuto conoscere i processi industriali che si celano dietro a un semplice gesto, qual è quello di conferire una bottiglia di plastica o PET dentro a un eco-compattatore. Il premio, inoltre, ha consentito loro di vivere l’esperienza dell’incentivo al riciclo, che chiunque può normalmente provare con i macchinari Garby, in virtù degli ecopunti emessi al conferimento del materiale e utilizzabili presso le attività commerciali convenzionate con il circuito di eco-marketing Garby. 

Gabriele Pontillo, concessionario di zona Garby, commenta: “iniziative come questa, in cui si vedono i bambini giocare al riciclo e andare alla ricerca di bottigliette, oppure conferire con entusiasmo le proprie nei nostri eco-point, mi danno felicità e soprattutto sollievo pensando al futuro. Perchè solo così, cioè con un’educazione dei piccoli all’ecosostenibilità, possiamo sperare che le nostre città diventino più sane e vivibili e che loro stessi, i nostri figli, possano crescere sempre più in armonia con l’ambiente”. Plaudono all’inziativa anche i dirigenti scolastici degli istituti che hanno partecipato al progetto: Grazia Paolella della scuola “Francesco d’Assisi”, Giovanna Morinelli della scuola “Giovanni Mazza” e Gennaro Di Martino della scuola “Nazario Sauro”. 

 

Infine, piena soddisfazione viene dichiarata dall’Assessore ai Rifiuti, Salvatore Quirino, che osserva: “Uno degli obiettivi prioritari di questa Amministrazione è sensibilizzare la cittadinanza, a cominciare dalla fasce di età più giovani, a praticare la raccolta differenziata dei rifiuti con sempre maggiore impegno e consapevolezza. E siccome si tratta di una questione molto importante, che riguarda il presente, ma soprattutto il futuro dei nostri figli, è essenziale che si lavori affinché questa cultura sia già profondamente radicata già nei cittadini di domani”.