A cura della Redazione
Torre del Greco. "CulturalMente", prima giornata di dibattito Quando impresa e cultura si sposano per creare occasioni di lavoro per i giovani. In campo Ascom, Assocoral e Federalberghi, i cui rappresentanti hanno preso parte alla prima giornata di lavoro di CulturalMente, ciclo di seminari e workshop in corso di svolgimento fino a sabato al circolo professionisti di Torre del Greco. L’iniziativa, organizzata dal Polo artistico torrese, in collaborazione con l’Agenzia nazionale per i giovani nel programma europeo Erasmus +, si è aperta col tema “Creare occupazione attraverso l’impresa culturale”: “Dobbiamo tenere presente – spiega Antonio Crispino, presidente del Polo artistico torrese – che il 70% del patrimonio Unesco è in Italia. Insomma, la prerogativa del nostro Paese è la cultura. In questo contesto vogliamo puntare a recuperare radici e memoria, a livello nazionale e cittadino”. Per Adolfo Vallini, rappresentante Ascom, l’impegno dell’associazione “è da tempo rivolto a dare opportunità di crescita ai giovani. Le nostre città non possono pensare a uno sviluppo industriale: le occasioni di sviluppo sono concentrate sugli aspetti culturali e turistici dei nostri territori”. Gli fa eco Adelaide Palomba, presidente di Federalberghi Costa del Vesuvio: “Ci fa piacere – ha detto – che ad ascoltarci siano stati ragazzi del liceo artistico e dell’indirizzo turistico del Degni, che potrebbero essere impegnati nelle nostre attività. Senza l’attenzione alle bellezze del territorio, le nostre imprese non hanno futuro”. A chiudere Francesco Del Gatto dell’Assocoral: “Non c’è lavoro se non c’è cultura. Negli anni passati abbiamo organizzato workshop e esperienze in azienda con i ragazzi del Degni, cosa che faremo anche nel 2015. Nei prossimi giorni a Vicenza inaugureremo una mostra su cammeo e coralli, per fare conoscere la storia dei nostri prodotti”. Interessante l’intervento di Aldo De Martino e Violetta Ercolano, del museo Ippiemme (international puppet museum): “Il nostro museo è l’esempio di come una tradizione messa in mostra possa creare occasioni di lavoro”. Nel pomeriggio prima di due giornate di lavoro sul tema “La festa dei quattro altari: il restyling”. Domani, venerdì 23 gennaio, secondo appuntamento sul tema “La cultura che crea sviluppo”: previsti gli interventi di Franco Scognamiglio (presidente di CameoArt), Luca Mascolo e Tommaso Naclerio (sindaco e assessore al turismo di Agerola per il festival “Agerola sui sentieri degli Dei”) e Giulio Baffi (direttore artistico di “Benevento città spettacolo”). ANIELLO SAMMARCO