A cura della Redazione
Torre del Greco. Ato sui rifiuti, Borriello scrive ai sindaci “Bisogna rendersi conto che con la costituzione dell’Ato Napoli 3, i Comuni diventano finalmente protagonisti in un settore nevralgico quale è quello dei rifiuti. Per questo ho deciso di invitare i miei colleghi che ancora non l’hanno fatto, a firmare la convenzione, strumento propedeutico alla costituzione dell’ente d’ambito che mette assieme 59 città che hanno mostrato una buona attenzione alla raccolta differenziata, con una media del 45% e con picchi del 65-70%”. È il concetto alla base della missiva inviata nei giorni scorsi dal sindaco di Torre del Greco, Ciro Borriello, ente capofila del costituendo organismo che mette assieme diversi comuni della provincia di Napoli che a partire dal primo gennaio 2015 dovranno avere una propria autonomia gestionale nello smaltimento dei rifiuti prodotti. Dopo la riunione svoltasi giovedì scorso a palazzo Baronale, il primo cittadino – sulla scorta di quanto emerso nel corso del dibattito – ha deciso di rompere gli indugi e invitare quei Comuni che ancora non hanno firmato la convenzione (ratificata lo scorso 13 maggio da ventuno enti locali) a “sottoscriverla quanto prima, quale indispensabile passaggio propedeutico alla costituzione dell’Ambito”. La lettera è stata inviata ai sindaci di Agerola, Boscotrecase, Brusciano, Camposano, Carbonara di Nola, Casamarciano, Casola di Napoli, Castello di Cisterna, Cicciano, Cimitile, Lettere, Liveri, Mariglianella, Massa di Somma, Massalubrense, Meta di Sorrento, Nola, Ottaviano, Palma Campania, Piano di Sorrento, Pimonte, Pomigliano d’Arco, Pompei, Portici, Roccarainola, San Gennaro Vesuviano, San Paolo Belsito, San Vitaliano, Santa Maria la Carità, Sant’Agnello, Saviano, Scisciano, Sorrento, Terzigno, Vico Equense e Visciano: “Nel corso dell’ultimo incontro – è scritto – si è convenuto di procedere con speditezza alla effettiva costituzione dell’Ambito per l’esercizio in forma associata delle funzioni di organizzazione del servizio di gestione dei rifiuti”. “Al prossimo incontro – è il categorico messaggio di Ciro Borriello – dovremo essere pronti per costituire l’Ato. A mio avviso, e su questa linea ho trovato d’accordo altri colleghi sindaci, sono diversi i punti che ci devono spingere ad accelerare in tal senso e ad evitare che vi possano essere enti commissariati dalla Regione perché inadempienti. In primis l’autonomia gestione in un settore da sempre nevralgico per le amministrazioni non solo della provincia di Napoli. Abbiamo di fronte, e questo lo ribadirò sempre, un’occasione unica che non va persa. Anche perché non partiamo da zero: assieme si mettono 59 comuni che hanno mostrato, chi più chi meno, una certa attenzione al tema della raccolta differenziata, che di media tocca il 45% nell’intera area interessata dall’Ato 3, con margini di miglioramento una volta varato appieno l’Ambito. Senza dimenticare che con la costituzione dell’Ato 3, non avremo più il ‘peso’ di Napoli, con i suoi tanti abitanti e la disabitudine di molti a fare la differenziata. Così facendo, è una convinzione diffusa tra i sindaci, si andrà in contro a un servizio più efficace ed economico e soprattutto meglio organizzato. Dal punto di vista politico, infine, la mia amministrazione ha subito mostrato attenzione verso questa opportunità, tanto da convocare un primo incontro poche settimane dopo il nostro insediamento: finora, non a caso, ci siamo fatti promotori di quattro confronti aperti a tutti i sindaci della Napoli 3”. Concetti che Ciro Borriello ha voluto esprimere nella sua missiva anche ai primi cittadini di quei Comuni che hanno già sottoscritto la convenzione: oltre a Torre del Greco sono Anacapri, Boscoreale, Capri, Castellammare di Stabia, Cercola, Comiziano, Ercolano, Gragnano, Poggiomarino, Pollena Trocchia, San Giorgio a Cremano, San Sebastiano al Vesuvio, Sant’Anastasia, Sant’Antonio Abate, Somma Vesuviana, Striano, Torre Annunziata, Trecase, Tufino e Volla.