A cura della Redazione
Torre del Greco. Cassa Marittima negli ex locali Pretura Cassa marittima nei locali dell’ex Pretura di viale Campania. C’è l’accordo tra i responsabili del Servizio assistenza sanitaria al personale navigante e il Comune. È il senso della corrispondenza intercorsa in questi giorni tra il sindaco di Torre del Greco, Ciro Borriello, e il direttore dell’ufficio Sans Napoli-Sud isole, Antonio Salzano. Quest’ultimo, facendo seguito alle proposte avanzate dall’amministrazione comunale sulle possibili strutture da mettere a disposizione per allocare il servizio – sfrattato due anni fa dalla sede di via Cesare Battisti a causa di una serie di problemi igienico-strutturali – ha fatto pervenire una missiva nella quale manifesta “il proprio interesse a considerare la proposta relativa alla struttura di viale Campania, temporaneamente occupata dai servizi della Pretura che, come è noto, saranno trasferiti in tempi ragionevoli presso altra sede. Tale struttura – sottolinea Antonio Salzano – è da ritenersi potenzialmente idonea rispetto alle particolari esigenze funzionali ed organizzative della nostra amministrazione, tenuto conto sia della consistenza dei locali in questione sia della posizione logistica”. Una presa di posizione che ha trovato la condivisione del primo cittadino, che in una lettera ha comunicato che darà “seguito alla manifestazione di interesse”. “Provvederemo a breve – prosegue Ciro Borriello – ad avviare le procedure per la formalizzazione della relativa proposta di concessione”. Una proposta alla quale il direttore del servizio di assistenza sanitaria per i naviganti ha chiesto sia allegata anche “la planimetria dei locali oltre ad una adeguata relazione tecnico-descrittiva dell’immobile. Tale documentazione – tiene a specificare Antonio Salzano – consentirà l’attivazione delle procedure previste dalla normativa vigente in materia di locazioni passive con il coinvolgimento oltre che delle direzioni centrali dell’amministrazione, anche degli uffici dell’agenzia del Demanio ed eventualmente dell’ufficio del manutentore unico per eventuali interventi di adeguamento che si renderanno necessari per la specifica destinazione d’uso”. Dopo oltre due anni, insomma, appare tracciata la strada per riportare la cassa marittima a Torre del Greco ed alleviare così i disagi dei lavoratori del mare del secondo comparto d’Italia per numero di iscritti, costretti ancora oggi a recarsi a Napoli per ogni minima esigenza legata all’assistenza sanitaria. Una mancanza che il sindaco ha provato più volte a colmare da subito con una soluzione temporanea: “Purtroppo però – spiega Ciro Borriello – ogni tentativo di individuare una sede provvisoria in attesa dei necessari interventi da effettuare nella struttura considerata definitiva, sono al momento risultati vani. Anche la soluzione provvisoria, individuata dal direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud Maurizio D’Amora, con il trasferimento temporaneo in locali dell’azienda in via Venezia, non è stata considerata valida”. In tal senso, è chiaro il passaggio della missiva inviata al primo cittadino dal direttore dell’ufficio Sans Napoli-Sud isole: “Tale soluzione – scrive Antonio Salzano – non è percorribile perché le dimensioni dei locali offerti non consentirebbero di trasferire neppure la sola attività di medicina generale e, se anche questo fosse possibile parzialmente, ciò comporterebbe un ulteriore disagio per l’utenza, costretta a recarsi in due strutture diverse per una qualsiasi prestazione specialistica o in caso di una visita biennale o di una visita preventiva di imbarco”.