A cura della Redazione
Torre del Greco. Pro Loco, il programma La Torre che vorrò Il sindaco Ciro Borriello e i componenti della giunta hanno incontrato i vertici della Pro loco. Obiettivo, studiare insieme i progetti contenuti all´interno del programma "La Torre che vorrò" redatto dalla realtà di promozione turistica, puntando dove necessario al miglioramento e alla possibile realizzazione delle idee-progetto. Nei giorni scorsi la Pro loco ha avanzato una serie di proposte al sindaco Ciro Borriello. Proposte che poi sono state illustrate dall´ideatore, Antonio Altiero, all´intero esecutivo cittadino in modo che tutti gli assessori potessero averne contezza. Altiero, ha illustrato per conto della Pro loco i motivi che hanno accompagnato la nascita de “La Torre che vorrò”, precisando che il progetto è aperto al contributo di tutti. In particolare Altiero ha ripercorso i motivi per cui Torre del Greco può aspirare a diventare una città turistica: "Alla quale - ha detto - potremmo offrire i servizi che mancano o sono insufficienti, a partire dal porto turistico e a tutti i servizi a terra come i cantieri navali, artigianato artistico, una rete di ristorazione di alto livello". Il progetto ruota intorno "alla realizzazione di un porto turistico per non meno di mille posti barca, ed un interporto o teminal-bus da realizzare all’altezza del casello autostradale per accogliere e smistare su navette ecologiche gli attuali 500mila turisti in transito per il Vesuvio. Lo stesso porto dovrebbe essere realizzato in modo da accogliere i passeggeri dalle navi da crociera che potrebbero ormeggiare fuori allo scalo e smistati con idoneo servizio di bus turistici per le mete prescelte". La Pro loco ha anche pensato a un “Ostello della Gioventù” o albergo pluristelle nell´ex Onpi; del recupero degli ex molini meridionali Marzoli; di avviare con il Comune di Napoli un accordo per l’utilizzo del complesso dell’ex patronato scolastico; all´istituzione del museo del corallo e di un registro storico delle incisioni artistiche di cammei e coralli e di diversi altri progetti. "Si tratta - afferma Ciro Borriello - di progetti ambiziosi. Apprezziamo in questa fase la spinta propositiva che arriva dai componenti della Pro loco". "Ho registrato un diffuso menefreghismo da parte dei nostri concittadini - conclude Antonio Altiero - i quali, probabilmente, sono sfiduciati dall’eccessivo ´nullismo´ dei nostri amministratori passati. Realizzare un cambiamento non è certamente facile, ma non è impossibile. Ho riscontrato nel sindaco Borriello e nella sua compagine amministrativa una voglia di fare che non ha precedenti. Il tempo previsto per la conclusione del progetto? Dieci anni".