A cura della Redazione
Torre del Greco. Agente P.M. al Dipartimento di Protezione Civile Un giovane agente di polizia municipale ed esperto di protezione civile nominato componente della commissione nazionale presso la Presidenza del Consiglio dei ministri presso il Dipartimento nazionale di protezione civile per la redazione delle linee guida per l’assistenza alle popolazioni in caso di emergenza. Gennaro Cuomo, 26 anni, vigile urbano del 2008 e un lungo trascorso come volontario dell’associazione Irt, ha infatti ricevuto in questi giorni l’importante nomina come uno dei trenta componenti della commissione incaricata di occuparsi di stilare il protocollo di interesse nazionale indispensabile per fronteggiare tutte le calamità naturali. Una investitura importante, fosse altro che Cuomo risulta essere tra i pochi rappresentanti della Campania e più in generale dell’intero Mezzogiorno all’interno dell’organismo ministeriale. Non solo: con i suoi 26 anni, Gennaro Cuomo è anche il più giovane all’interno della neocostituita commissione. Una giovinezza solo anagrafica, visto che nel suo curriculum l’agente di polizia municipale in forze al comando di Torre del Greco guidato da Salvatore Visone vanta una vasta esperienza: Cuomo nel 2010 ha conseguito l’executive master in protezione civile e disaster management e due anni dopo la sua tesi di laurea di Giurisprudenza era intitolata “Protezione civile europea”. Ha partecipato anche a numerose operazioni di rilievo nazionale, tra le quali spiccano quella a L’Aquila in occasione del terremoto che devasto la città abruzzese e diverse emergenze neve nel Nord Italia. Una notizia, quella della nomina di Gennaro Cuomo all’interno dell’importante commissione ministeriale, che ha immediatamente ricevuto il plauso del sindaco di Torre del Greco, Ciro Borriello: “Sono fiero che un nostro valido concittadino – afferma – si sia fatto apprezzare a tal punto da essere inserito in un organismo tanto delicato per la gestione delle emergenze di protezione civile. A Cuomo va il mio personale in bocca al lupo e l’augurio di un proficuo lavoro per il bene dell’intera collettività”.