A cura della Redazione
Torre del Greco. Deiulemar, Gallo (M5S) scrive ai ministri Il deputato del MoVimento 5 Stelle, Luigi Gallo, ha inviato una lettera al ministro degli Esteri Emma Bonino, al ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri e al ministro dell’Economia e delle Finanze Fabrizio Saccomanni per informarli della vicenda giudiziaria della compagnia di navigazione Deiulemar, società di navigazione di Torre del Greco. In particolare, il deputato del M5S chiede ai ministri “un intervento veloce e tempestivo, o quanto meno una risposta” alla luce di ulteriori evoluzioni sul caso Deiulemar, compagnia di Torre del Greco fallita il 2 maggio 2012 per un buco patrimoniale di oltre 800 milioni di euro e che ha visto coinvolti 13mila risparmiatori i quali, per decenni, hanno finanziato la compagnia tramite certificati obbligazionari per una somma pari a 670 milioni di euro. «Oggi - spiega il deputato del M5S - a seguito di due indagini in corso presso la Procura di Roma e la Procura di Torre Annunziata, sono stati individuati due conti in Svizzera da 650 milioni e da 350 milioni di euro intestati ad imprese off-shore, con sede legale in Lussemburgo, riconducibili alle tre famiglie fondatrici della Deiulemar. E’ stato chiesto dalle autorità inquirenti il sequestro di questi conti con una rogatoria che però è stata bloccata, e così anche il conseguente sequestro del denaro. La Banca Arner, un istituto di credito già al centro di diverse indagini su flussi di denaro sospetti diretto in Svizzera, avrebbe consentito ai vertici della “banca privata” di Torre del Greco di girare gli investimenti delle 13mila famiglie direttamente a Lugano. Somme che, secondo le ipotesi accusatorie al vaglio della procura, sarebbero poi rientrate in Italia “ripulite” e disponibili. Più volte - prosegue Gallo - è stata auspicata la possibilità di accordi bilaterali con la Svizzera atti ad evitare che indagini di così grande importanza vengano ostacolate dal principio del segreto bancario. Situazioni come quelle sopra descritte vanno a danno della nostra economia, perché disincentivano gli investimenti dei nostri risparmiatori verso società italiane». Intanto al senato il Movimento 5 Stelle si sta attivando affinché venga calendarizzata la discussione della Petizione avente per oggetto "Iniziative urgenti per i risparmiatori danneggiati dal fallimento Deiulemar SpA" presentata al Senato da parte di alcuni cittadini di Torre del Greco ed assegnata alla VI Commissione Finanze e Tesoro. FRANCESCO DI DONNA