A cura della Redazione
Torre del Greco. Deiulemar, il sindaco scrive al Premier Monti “Ancora una volta ho ritenuto doveroso sollecitare a nome di decine di migliaia di risparmiatori torresi la complessa crisi economica della Deiulemar Compagnia di Navigazione all’onorevole Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti, al Ministro Corrado Passera, ai vertici della Consob, al Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, al Prefetto di Napoli Andrea De Martino, all’Assessore regionale Sergio Vetrella, affinché siano coniugati quel controllo e quella trasparenza che consentano agli organi istituzionali di prestare la massima attenzione alla problematica, apportando chiarezza sui termini della delicata questione che attanaglia non solo i creditori, ma l’intera collettività di Torre del Greco”. Così Ciro Borriello (foto), sindaco di Torre del Greco. “Come riportato da una accorata lettera aperta della Deiulemar e da diversi organi di stampa – prosegue - al fine di soddisfare la moltitudine di creditori, apprendo con soddisfazione che la società sarebbe intenzionata, tra l’altro, a concedere la disponibilità delle molteplici risorse immobiliari. In proposito, confido vivamente che si possa per davvero ottenere risposte e iniziative percorribili e reali”. “Inoltre, ancora una volta esprimo la mia preoccupazione – sottolinea il Primo cittadino – per gli aspetti occupazionali, che, in una città di circa 100mila abitanti e per di più in un periodo già di per sé difficile, la questione ha sconvolto pesantemente l’opinione pubblica, in quanto nei fatti si parla di una economia locale collassata”. “Auspico vivamente che la Deiulemar – sottolinea il Sindaco - possa trovare quanto prima le soluzioni più efficaci per superare la crisi e recuperare il proprio status armatoriale ed imprenditoriale. Ma soprattutto che la società possa concedere serenità ai tantissimi piccoli e medi imprenditori, commercianti e migliaia di semplici cittadini che attendono con trepidazione seri e concreti riscontri”. “È il solo modo reale - conclude Borriello - per dare finalmente tranquillità ai creditori e all’intera comunità torrese. In merito, siamo sempre disponibili a promuovere ulteriori incontri, anche con gli organi di amministrazione della Società, sollecitando le competenti amministrazioni statali, tra le quali soprattutto il Ministero dello Sviluppo Economico”.