A cura della Redazione
Il Premier Matteo Renzi agli scavi di Pompei il 18 aprile Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi agli Scavi archeologici di Pompei. Il Premier giungerà nella città mariana in occasione dell´evento "Italia 2015 – Il Paese nell’anno dell’Expo", terzo appuntamento dopo quelli di Milano e Firenze verso l’Esposizione Universale di Milano. A partire dalle ore 11, presso il Quadriportico dei Teatri di Pompei, avrà luogo l’iniziativa promossa dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo e con la Rai. Sarà l’occasione per presentare la cerimonia di apertura di Expo e il palinsesto dei principali appuntamenti che avverranno durante il semestre. Concluderà proprio il primo ministro Matteo Renzi. E´ oramai tradizione (non sempre con esito fortunato) del maggior partito della sinistra italiana lanciare la campagna elettorale nazionale (in questo caso per l’elezione del Consiglio regionale della Campania) a Pompei. Ufficialmente la visita di Matteo Renzi al famoso sito archeologico vesuviano è stata organizzata per raccogliere i consensi popolari su un’iniziativa di lavori di restauro al monumento, partita tra molte critiche, ma che ha alla fine imboccato un percorso virtuoso. Ci riferiamo al Grande Progetto Pompei, finanziato con 105 milioni di euro. Il motivo vero è che il premier dovrebbe anche incontrare (nel pomeriggio) l´ex sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, candidato Pd a governatore della Campania in quanto vincitore delle primarie per il centrosinistra, per conferirgli, dopo un periodo di silenzi interpretati come indecisione dall’opinione pubblica, l’imprimatur ufficiale in un magnifico contesto quale solo gli Scavi archeologici di Pompei possono essere, emblema della bellezza italiana. Di seguito, le disposizioni adottate dalla Soprintendenza in occasione dell´evento. - la biglietteria di Piazza Esedra sarà regolarmente funzionante durante l’intera giornata di sabato 18 aprile. Non sarà, invece, possibile l’ingresso all’area archeologica da Piazza Esedra. Pertanto, i Visitatori che acquistano il biglietto alla biglietteria di Piazza Esedra dovranno OBBLIGATORIAMENTE utilizzare il vicino ingresso di Porta Marina; - dalle ore 8,30 e fino al termine dell’evento è interdetto l’accesso dei Visitatori al Teatro Grande, al Teatro Piccolo, al Quadriportico dei Teatri, al Foro Triangolare, alla via Stabiana (dall’incrocio con via del Tempio di Iside fino a Porta Stabia); - la visita al sito archeologico potrebbe, inoltre, subire delle limitazioni temporanee a secondo delle esigenze di sicurezza adottate al momento dal personale delle Forze dell’Ordine. MARIO CARDONE