A cura della Redazione
Boscoreale. Consiglio comunale, approvati importanti atti Si è tenuta ieri pomeriggio la prevista seduta di Consiglio comunale in prima convocazione. L’assemblea consiliare, presieduta da Antonio Mappa, quale primo atto ha approvato il piano di razionalizzazione delle società partecipate, che nello specifico riguarda l’azienda speciale “Ambiente Reale”, costituita per i servizi di igiene ambientale e la gestione dei rifiuti, adempimento previsto per legge con scadenza il 31 marzo. A seguire, l’assemblea ha approvato la presa d’atto del contrato di comodato d’uso gratuito della tratta FF.SS. Torre Annunziata – Cancello, ricadente nel territorio comunale. Il Consiglio, poi, ha determinato le scadenze di pagamento per l’anno 2015 dell’Imposta Unica Comunale (IUC) - Componente TARI – stabilendo, su proposta dell’assessore al bilancio e tributi, Raffaele De Falco, il pagamento di quanto dovuto in cinque rate: 10 maggio, 10 luglio, 10 settembre, 31 ottobre e 31 dicembre. Dopo aver ascoltato la relazione dell’assessore ai beni ambientali e culturali, Paolo Persico, che ha illustrato lo stato dei lavori del tavolo tecnico per il Piano Strategico, nell’ambito del Piano di Gestione del sito UNESCO “Aree archeologiche vesuviane”, il Consiglio ha approvato il pacchetto di provvedimenti proposti dallo stesso e relativi proprio allo sviluppo dell’area archeologica e del complesso auditorium e centro culturale di Villa Regina. Per quest’ultimo è stato approvato lo schema di accordo di programma con l’Ente Parco Nazionale del Vesuvio e l’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia – Osservatorio Vesuviano. Nello stesso contesto si inserisce anche l’approvazione del regolamento beni comuni. Un regolamento quadro per la gestione condivisa degli spazi comuni che tornerà utile nella fase di applicazione del Piano di Gestione del sito UNESCO. Sul Piano Strategico è prevista, per il prossimo 16 aprile, un’assemblea pubblica con le associazioni culturali, gli operatori turistici e le forze economiche e sociali del territorio. Sono state anche definite le aree omogenee, necessarie per calcolare la determinazione dei canoni concordati di locazione. L’assemblea consiliare ha poi approvato un atto d’indirizzo al responsabile del settore urbanistica, assetto del territorio e protezione civile per l’elaborazione, entro sessanta giorni, in base alla normativa vigente, di una proposta al Consiglio comunale per l’integrazione dei regolamenti edilizi comunali e del piano comunale di protezione civile al fine di dare attuazione alle indicazioni fornite dalla Regione Campania. Il Civico consesso ha poi dibattuto sulla proposta avanzata dal consigliere Giacomo Tafuro di costituire commissione consiliare d’indagine sul crescente fenomeno dei decessi per cancro che stanno colpendo ogni fascia d’età. La problematica sarà trattata dalla commissione consiliare permanente all’ambiente. I lavori consiliari sono poi proseguiti con la presa d’atto della composizione commissioni consiliari permanenti, concludendosi con il riconoscimento di alcuni debiti fuori bilancio in virtù di sentenze del Giudice di Pace. Proprio in occasione della presa d’atto della composizione delle commissioni consiliari, il consigliere Gaetano Campanile ha annunciato la sua uscita dal gruppo consiliare Movimento Popolare Campano, riservandosi di comunicare la sua appartenenza ad altro gruppo in occasione del prossimo Consiglio. E’ stata, invece, rinviata al prossimo Consiglio l’istituzione di una commissione consiliare d’indagine in relazione alle problematiche emerse con la pronuncia n.242/2014 della Corte dei Conti – Sezione regionale di controllo per la Campania. “La seduta consiliare di ieri è stata molto produttiva per la costruzione del futuro della nostra città - ha commentato il sindaco Giuseppe Balzano -. Abbiamo approvato importanti atti che concorreranno allo sviluppo e valorizzazione del territorio. Il confronto in Consiglio – ha aggiunto il Sindaco- ha fatto emergere anche un rinnovato clima di collaborazione costruttiva tra maggioranza e opposizione, manifestatasi con le molteplici votazioni all’unanimità dei presenti”. ANTONIO D´ERRICO