A cura della Redazione
Boscoreale. Resoconto del Consiglio comunale Si è tenuta ieri pomeriggio la prevista seduta di Consiglio comunale in prima convocazione. L’assemblea consiliare, presieduta da Antonio Mappa, ha approvato a maggioranza modifiche al regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale e allo Statuto dell’Azienda Speciale “Ambiente Reale”. Sempre a maggioranza è stata approvata nuovamente la ratifica della sottoscrizione dell’Accordo di programma recupero urbano di Villa Regina. Il Civico consesso, infine, all’unanimità, ha approvato anche il regolamento per il funzionamento della Consulta comunale dello sport e del tempo libero. Significative le modifiche apportate al regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale, oggetto di preliminare approfondito esame della I commissione consiliare permanente “Affari Istituzionali”, presieduta dal consigliere Luigi Buffone, che spiega “La commissione si è fatta carico di indicare la razionalizzazione delle procedure per lo snellimento e la semplificazione dei lavori afferenti il Consiglio comunale e le stesse commissioni consiliari. Le modifiche del regolamento del Consiglio comunale sono finalizzate all´abbattimento dei costi della politica, e a una migliore funzionalità delle commissioni consiliari”. Per gli effetti, le sei commissioni ora esistenti, con nove componenti, per un totale di cinquantaquattro presenze, si riducono a quattro, con una presenza di solo venticinque componenti complessivi. La nuova articolazione comporterà tre commissioni permanenti per aree tematiche (1^ commissione: affari generali ed istituzionali, attività economiche, partecipazione e decentramento, personale, programmazione economica; 2^ commissione: ambiente, assetto del territorio, servizi pubblici e patrimonio; 3^ commissione: cultura, pubblica istruzione, servizi sanitari e sociali, sport, turismo), più la quarta, controllo e garanzia, la cui presidenza è affidata alle minoranze. La novità per la commissione per le Pari Opportunità è che non sarà più di esclusiva presenza consiliare, ma sarà aperta anche a presenze e contributi esterni all’Amministrazione comunale. Con un emendamento approvato a maggioranza sin è anche stabilito che i Consiglieri comunali membri della commissione, al pari degli altri componenti, non percepiranno alcun gettone di presenza. “Si è inteso trasformare la Commissione per le Pari Opportunità in un organismo “aperto all’esterno” -ha spiegato il sindaco Giuseppe Balzano- per consentire la partecipazione di soggetti non facenti parte dell’assemblea consiliare e che rappresentino il genere femminile, tenuto conto, altresì, della sua scarsa rappresentatività nell’attuale composizione del Consiglio comunale, nonostante le norme introdotte dalla legge n.215/2012 in materia di promozione della parità di uomini e donne nell’accesso alle cariche elettive regionali e comunali”.