A cura della Redazione
Pompei. La Soprintendenza cerca nuovi uffici per i dipendenti La Soprintendenza di Pompei, Ercolano e Stabia ha pubblicato un avviso sul sito www.pompeiisites.org (sezione bandi e gare in corso) per l’individuazione di locali ad uso ufficio, attrezzati e immediatamente operativi per ospitare i dipendenti interni e per il personale aggiuntivo a tempo determinato che sarà in forza a partire dal mese di febbraio. I nuovi ambienti lavorativi individuati saranno utilizzati dal personale in attesa della ristrutturazione degli edifici demaniali definitivi. La scadenza per la presentazione della manifestazione di interesse è il prossimo 2 febbraio. E’ proprio il caso, a questo punto, di dire (parafrasando un famoso film di Totò) che la Soprintendenza di Pompei cerca casa, anche perché sono numerose le sventure che i dipendenti hanno lamentato nel corso degli ultimi anni a causa di alloggi non idonei, a partire dalla presenza dell´amianto per finire al fatto che piove all’interno degli uffici. Ricordiamo che nuovi locali attrezzati, destinati ai dipendenti, sono stati invece assegnati ai funzionari (provenienti dall’Amministrazione dello Stato che sono entrati a far parte dello staff del Grande Progetto Pompei). Ora che la Soprintendenza si dota (tramite la società in house Ales) di personale amministrativo (trenta impiegati) e di trenta custodi, non ci sono uffici liberi per ospitarli. La conseguenza è che la Soprintendenza è stata costretta a rivolgersi all’esterno, almeno in via provvisoria. MARIO CARDONE twitter: @mariocardone2