A cura della Redazione
Boscoreale. Ripresi i lavori alla stazione di Villa Regina Sono ripresi, dopo la sospensione durata alcuni anni, i lavori per l’ultimazione della nuova stazione “Villa Regina” della Circumvesuviana, sulla linea Napoli-Sorrento, che sorge su via Settetermini, a ridosso dei popolosi rioni Penniniello di Torre Annunziata e Villa Regina di Boscoreale, che comprende anche l’area archeologica boschese. L’opera dovrebbe essere completata entro il prossimo mese di giugno. Nei mesi scorsi erano scesi in campo i sindaci di Boscoreale, Giuseppe Balzano, e Torre Annunziata, Giosuè Starita, a sostegno della petizione popolare, sottoscritta da alcune migliaia di cittadini boschesi e torresi, tesa a far sbloccare i lavori per il completamento della stazione, promossa dall’Associazione socio-culturale “Il Melograno” di Boscoreale, capofila nella proposizione, da Federconsumatori Campania, dal Sindacato Pensionati Italiani (Spi-Cgil), dal Sindacato Nazionale Unitario Inquilini e Assegnatari (Sunia Comprensorio) e dall’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi sul Lavoro (Anmil- Torre Annunziata). I primi cittadini delle due confinanti municipalità sottoscrissero un’accorata lettera inviata a Stefano Caldoro, presidente della giunta regionale della Campania, evidenziando l’importanza dell’opera “strategica per i Comuni di Boscoreale e di Torre Annunziata”. La fermata, infatti, è ubicata su via Settetermini e, oltre a servire due popolose zone caratterizzate da quartieri di edilizia pubblica residenziale, è fondamentale sia per i flussi di chi intende recarsi presso i nuovi centri commerciali sorti sull’area ex Aquila prefabbricati (Leroy Merlin e Oviesse), sia presso l’Antiquarium nazionale di Boscoreale “Uomo e Ambiente nel territorio vesuviano” con l’annessa villa rustica di epoca romana. “Questa opera - spiega il sindaco Giuseppe Balzano- è cruciale per la nostra città, fortemente richiesta dai cittadini del popoloso quartiere di Villa Regina, da sempre carente di adeguato servizio di trasporto pubblico, che hanno sostenuto con forza la petizione promossa dalle Associazioni, e fonte di ulteriore sviluppo dei flussi turistici verso la nostra area archeologica. Esprimo soddisfazione per l’accoglimento, da parte della Giunta regionale, della segnalazione sottoscritta da me e dal collega Giosuè Starita». ANTONIO D´ERRICO