A cura della Redazione
Pompei. Delegazione EXPO 2015 in visita in città «Il prossimo 10 ottobre una delegazione dell’Expo 2015 sarà ospitata a Pompei». Lo ha annunciato l’assessore alla comunicazione Pietro Orsineri, che ha portato i saluti del sindaco Uliano ai partecipanti al Forum sull’alimentazione “Il concetto di nutrizione dal 79 d.C. al 2015” che si è tenuto oggi (venerdì 26 settembre) presso l’Auditorium degli scavi di Pompei. Orsineri ha spiegato che nell’occasione della citata visita istituzionale saranno gettate le basi di un ponte culturale (e gastronomico) tra Pompei e Milano. Operazione già avviata positivamente con un precedente incontro a Milano tra i due primi cittadini (Pisapia ed Uliano) e destinata a consolidarsi in occasione dell’Expo 2015, dove, con la collaborazione della Soprintendenza archeologica vesuviana, saranno esposti reperti dell’Antica Pompei, che in un secondo momento saranno visibili al pubblico in un museo locale in fase di costruzione. La prima fase del convegno è consistita in un vero e proprio corso di cucina. A lezione dagli antichi pompeiani al fine di scoprire il segreto dell’elisir di lunga vita. “Semplicità e sobrietà erano le caratteristiche del regime alimentare seguito dagli antichi pompeiani, che successivamente con i contributi degli arabi (prima) e degli americani (in un secondo momento) hanno formato le linee guida della dieta mediterranea, salutare ed apprezzata in tutto il mondo: pane, pasta, pizza al pomodoro, olio e vino.” Il professore Zeffiro Ciuffolotti ha ricordato degli alimenti incisi sul muro di una taverna al centro dell’antica Pompei. Era assai semplice: Comprendeva il pane come base, seguito dall’olio, dal vino e dal formaggio (ricotta) con qualche rara aggiunta di pesce o di carne. I dietologi insistono sul concetto che non basta, raccomandando innanzitutto la “sobrietà” per il vive sano ed a lungo: E’ oggigiorno evidente (e dimostrato dalle statistiche) che ciò che beviamo e mangiamo influenza il nostro stato di salute, Secondo gli oncologi il 30 – 40 per cento dei tumori è di origine alimentare. MARIO CARDONE twitter: @mariocardone2