A cura della Redazione
Pompei. Tensioni prima del voto. Uliano: appello alla calma Una giovane signora quarantenne della lista civica “I Pompeiani” è finita oggi all’ospedale a seguito di una violenta lite condita, a quanto pare, di parolacce, insulti, calci e spintoni. Lo scontro si sarebbe verificato in viale Unità d’Italia. L’esponente della coalizione “Insieme per il cambiamento”, capeggiata da Nando Uliano, a quanto è stato detto in conferenza stampa, ha chiesto l’intervento della Polizia. Sul posto è arrivata la volante per ristabilire l’ordine pubblico. Al momento non sono pubbliche evidenze verbalizzate degli uffici di polizia mentre sembrerebbe che i litiganti delle opposte fazioni (la candidata per Uliano da una parte e quello di Gallo insieme ad un suo amico dall’altra) si siano recati, separatamente, all’ospedale per farsi medicare le ferite e, forse, denunciare un’aggressione. Questi i fatti. Sul piano della politica che chiude domenica la fase finale del ballottaggio che è diventato alla fine rovente dopo una campagna elettorale che fino a questo ultimo episodio non aveva manifestato tensioni eccessive, salvo qualche raro caso e qualche scorrettezza prontamente denunciata. Ora stanno partendo dure denunce verbali e formali del candidato Uliano, che in una conferenza stampa si è fatto assistere dall’avvocato Elio D´Aquino. Riportiamo di seguito il comunicato stampa di Uliano, in merito, precisando che sull’argomento non risultano al momento dichiarazioni ufficiali da parte del suo sfidante Gallo. MARIO CARDONE Twitter:@mariocardone2 IL COMUNICATO STAMPA Il clima di forte tensione che ha caratterizzato il ballottaggio per la elezione del nuovo sindaco di Pompei è sfociato in episodi esacrabili e assolutamente estranei ad una normale dialettica democratica. L’aggressione subita da Maria D’Aniello, costretta tra l’atro ad un ricovero ospedaliero, è solo l’epilogo di una strisciante campagna di odio che ha ispirato il comportamento di taluni avversari politici. Sarà ovviamente la magistratura ad occuparsi del caso e colgo l’occasione per rinnovare tutta la mia solidarietà a Maria, rea solo di avere rivendicato il rispetto delle regole. E’ ancora notizia dell’ultima ora che ulteriori episodi stanno rendendo il clima elettorale inaccettabile e per certi versi pericoloso. Un confronto politico anche duro non può trascendere nella violenza e in arbitrarie iniziative che violano i più elementari principi del diritto e della convivenza civile. Mi appello a tutte le forze politiche, anche agli avversari, perché si riporti il confronto nell’alveo di comportamenti civili, e al contempo chiedo a tutti i miei sostenitori di mantenere la calma e a non cadere nelle trappole di vili provocazioni. La città di Pompei non merita tutto questo. Mi batterò con tutte le forze, oggi e in futuro, per la trasparenza, la legalità, il rispetto delle regole. Nando Uliano