A cura della Redazione
Pompei. La campagna elettorale prosegue al mercato Dopo il giro di propaganda negli scavi archeologici di Pompei e quello nel Centro Commerciale “La Cartera”, il candidato sindaco per “L’Altra Pompei”, Nando Uliano (foto), è andato all’assalto del voto popolare nel contatto con i frequentatori del mercato del venerdì (rione via Aldo Moro). Insieme a lui, la vela della pubblicità della sua faccia di persona perbene (come i suoi concorrenti) ha parcheggiato in mezzo alla piazzetta. Il sindaco “boy scout” ha fatto ingresso di buon’ora. con passo cadenzato. La sua passeggiata è stata ripresa minuto per minuto della telecamera di una tv privata che promuove il personaggio attorniato dai volontari del forum giovanile. “Conto di passare al primo turno”. Rassicura con un sorriso i suoi simpatizzanti. Al rientro dal giro di propaganda tra i banchi di mercato di ogni tipo di merce, Nando Uliano (sempre con passo scout) incontra la comitiva dei “grillini fai da te” con le magliette gialle del M5S. Un gruppo di ragazzi capitanati da Fabio Liguori, il candidato “sindaco ragazzino” che è accompagnato dal senatore Sergio Puglia (candidato alle Europee). Uno scambio cordiale di auguri tra i due contendenti. Una pacca di Uliano sulla spalla di Liguori come a dire “devi crescere ancora”, accompagnata da un cordiale “buon lavoro” e via (sempre con passo scout) verso nuove conquiste della campagna elettorale. La giornata è lunga. Al mercato settimanale di via Aldo Moro, la campagna elettorale ha conquistato la spesa al risparmio dell’ex ceto medio pompeiano. La gente comune si accontenta delle occasioni del mercato per le tute e le scarpe dei suoi ragazzi. Tra il banco di abiti vintage ed un altro che espone jeans made in Cina, spunta di tanto in tanto la sagoma inconfondibile del candidato sindaco “preferito” seguito da un nugolo di “volontari” che distribuiscono pubblicità. I pezzi da novanta delle liste civiche frequentano ben altri ambienti, non certo il mercato. Qualche ora dopo Uliano fa ingresso al mercato la “quota rosa” Maria Padulosi, che si distingue per gli interessi dai suoi avversari uomini: diversamente dai concorrenti maschi fa attenzione agli elettori ma anche agli abiti esposti sui banchi di vendita. Informa i conoscenti sull’evento da lei promosso di presentazione di un libro presso un prestigioso albergo del centro. Il piatto forte della sua campagna elettorale è la cultura, convinta che in questo campo Pompei può giocare un ruolo di primo piano grazie agli scavi archeologici ed al Santuario. Ultimo nella trascrizione, ma non certo come importanza, è Franco Gallo di “Elaboriamopompei”, che in via Aldo Moro (rione di Carmine Lo Sapio) è praticamente di casa. Bisogna dire, inoltre, di lui che durante tutta la campagna elettorale è stato notato tra i banchi di vendita. Via Aldo Moro è anche il rione delle sorelle predilette di Gallo, sostenitrici appassionate della sua campagna elettorale. MARIO CARDONE twitter: @mariocardone2