A cura della Redazione
Pompei. Elezioni, Primavera Pompeiana e la scelta di Uliano Un comunicato stampa di “Primavera Pompeiana” chiarisce la portata della sua integrazione con “Insieme per il cambiamento”, nata sulla base di «un confronto politico senza pregiudiziali». Da qui scaturisce la decisione di sostenere Ferdinando Uliano per la fascia tricolore. Il contributo non è limitato al consenso di uomini e donne che punta a portare Pompei fuori dalla logica degli affarismi e favoritismi, hanno inteso comunicare Luigi Acanfora e compagni, ma si estende all’elaborazione del programma elettorale che prevede metodi lineari, procedure trasparenti e gestione collegiale. «Sosteniamo che i compiti che attendono la prossima amministrazione sono di grande rilievo, a partire dal ripristino della gestione ordinaria con i relativi problemi territoriali, in particolar modo delle zone periferiche - si legge nel comunicato di Primavera Pompeiana - insieme alla valorizzazione del ruolo culturale di Pompei e al rilancio economico». I promotori della compagine guidata da Acanfora hanno spiegato che l’apertura alla coalizione targata Uliano mira ad ampliare gli spazi di consenso popolare insieme alla partecipazione della società civile. L’intento è di avviare il dialogo tra istituzioni e cittadini. «Bisogna fare rete. Operare in modo sinergico con Enti, Curia, associazioni culturali e di categoria, per uscire dall’isolamento della recente esperienza amministrativa - conclude il comunicato -. Solo così si può avviare la costruzione di un’amministrazione orientata ai principi di trasparenza operativa e dei comportamenti politici, del senso del dovere e della responsabilità nelle decisioni. Nello stesso tempo l’azione amministrativa dovrà essere improntata a spirito di servizio e capacità d’ascolto». Il progetto politico che unisce Insieme per il Cambiamento e Primavera Pompeiana prevede una politica che metta al centro la cultura (non quella dei convegni ad personam) come essenza fondamentale di Pompei. Contemporaneamente bisognerà operare per il bene comune che proceda con il consenso partecipato. Ad arricchire la popolarità del candidato sindaco Ferdinando Uliano arriva il responso positiva dell’urna del comitato pompeiano di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, che domenica 6 aprile ha svolto le elezioni primarie per l’indicazione del candidato sindaco in coerenza con le linee guida di partito. A contendersi la ‘nomination’ Nando Uliano e Pietro Amitrano, che hanno chiesto il sostegno del partito presieduto da Giorgia Meloni. Conclusione: hanno votato 433 cittadini. Nando Uliano ha prevalso con 276 voti, contro i 107 di Pietro Amitrano. Un’altra cinquantina di voti sono stati andati ad altri candidati. MARIO CARDONE twitter: @mariocardone2