A cura della Redazione
Pompei. Cimitero, nasce comitato contro la privatizzazione E’ montata una vera e propria rivolta civile a Pompei contro la gestione privata dei servizi cimiteriali. Ogni giorno ne succede una nuova: prima le tariffe private dibattute in consiglio comunale, oggettivamente più alte di quelle precedentemente applicate dal Comune; successivamente la contestazione delle crocette per la festa dei defunti; in ultimo la richiesta di ristrutturazione dei loculi privati con forme d’avviso che violano la privacy e la decenza pubblica. Il risultato finale è che l’ufficio tecnico è stato invaso da ricorsi protocollati e lettere di contestazione di privati cittadini che si dichiarano mal trattati. Istanze girate per consulenza all’ufficio legale, da cui sarebbe stato vagliato positivamente il loro fondamento. Da allora il verdetto sulla decisione finale non è più arrivato, probabilmente infossato nel “cimitero” delle legittime aspettative inevase del Comune di Pompei. In altre parole la pubblica richiesta di far ritornare nel pubblico il camposanto di Pompei, è stata seppellita insieme ai defunti che non trovano pace, dal momento che le loro salme sono attualmente oggetto di “inaccettabile speculazione, mercificazione del luogo sacro mediante l’affidamento ventennale del servizio cimiteriale”. Espressione citata testualmente da un volantino che sta circolando a Pompei, che invita a partecipare all’assemblea pubblica costitutiva di un Comitato che intende ripristinare lo status di bene comune del cimitero di Pompei. “Hanno trasformato un luogo di dolore in un deplorevole business”. E’ quanto conclude l’invito alla cittadinanza di battersi in una “crociata del lutto”, che restituisca al residente almeno la dignità della memoria dal momento che la politica ha praticamente “inquinato” tutto. Recenti eventi luttuosi hanno ridato una spinta alla coscienza civile dal centro e dalla periferia, ed ora arrivano impulsi di riscossa che, nel caso del cimitero, s’incentrano in un “Comitato per la difesa della dignità della memoria e della trasparenza”. Successivamente sarà interessante verificare il numero delle adesioni che riuscirà a raccogliere. MARIO CARDONE Twitter:@mariocardone2