A cura della Redazione
Pompei. Nel weekend la decima "Festa della Città" Sabato 19 e domenica 20 ottobre andrà in scena l’ultima edizione dell’era D’Alessio della "Festa della Città". Una ricorrenza che è arrivata al decimo anniversario dopo che il sindaco di Pompei l’ha istituita nel 2004 per solennizzare la ricorrenza del decreto presidenziale di Ciampi, con il quale ha conferito al centro turistico vesuviano il “prestigioso” titolo di Città. Il prossimo weekend di festeggiamenti sarà in tono minore rispetto agli anni passati. D’Alessio aveva coltivato la speranza di chiudere in bellezza con uno show di Alessandro Siani in piazza Bartolo Longo, ma non ce l’ha fatta. Ha dovuto ripiegare su un rituale meno dispendioso: l’arrivo in città di tanti personaggi (autorità, scienziati e star dello spettacolo) che sono stati nominati cittadini onorari. L’ambita pergamena per il 2014 sarà consegnata a Claudia Koll ed al presidente della Palestina Abu Mazen. Arriveranno per l’occasione tanti altri insieme alle delegazioni delle città italiane e straniere gemellate con Pompei. Una simpatica tradizione messa in piedi dal sindaco D’Alessio riguarda proprio lo scambio di visite che si svolgono in occasioni del genere. Ne consegue che lo stesso sindaco, insieme ad una cerchia di amministratori e accompagnatori, ricevono ospitalità, a più tornate, in prestigiosi centri turistici del mondo. L’omaggio è ricambiato dall’amministrazione pompeiana che si fa carico (come nel prossimo fine settimana) di ospitare una delegazione delle città amiche e gemellate con Pompei. A parte questa sfilata di tanta bella gente, la “Festa della Città” offre questo anno concerti, cerimonie religiose ed un ricco cartellone di conferenze su Bartolo Longo. Saranno contenti i cultori della vita del Beato. La festa nata con una concezione laica è rientrata così nella tradizione pompeiana che ha nelle opere e nella vita del Beato un riferimento imprescindibile. La città di Pompei deve molto al suo fondatore ideale. A lui si ispira costantemente il suo ceto dirigente che, naturalmente, non sempre riesce ad operare sul solco tracciato da Bartolo Longo. Detto questo, bisogna notare che a parte le oramai famose degustazioni di specialità locali, offerte dai commercianti pompeiani, manca in questa edizione della Festa l’esecuzione di un concerto di musica popolare, un evento, uno spettacolo come negli anni precedenti. Probabilmente hanno influito la crisi economica ed una certa atmosfera di tristezza nell’aria, che hanno consigliato D’Alessio di allestire un’edizione più austera, anche se si presenta lo stesso ricca di personaggi, di spunti e conferenze culturali. MARIO CARDONE Il programma SABATO 19 OTTOBRE Ore 10.00 – 18.00 Arrivo Delegazioni Città gemelle ed amiche, Cittadini Onorari ed altri Ospiti. Ore 19.00 – Piazza Bartolo Longo Degustazione enogastronomica offerta dai commercianti pompeiani. Ore 20.30 – Basilica Pontificia della B.V. del Rosario “Oratorio” in onore del Beato Bartolo Longo a cura dell’orchestra “I Solisti di Napoli” e del coro “Jubilate Deo”. Dirigerà l’orchestra il maestro Gianmichele D’Errico. Il concerto, il coro e la voce narrante su spartito inedito concernente la vita del Beato Bartolo Longo. DOMENCA 20 OTTOBRE Ore 10.00 – Palazzo de Fusco Incontro con Sindaci ed Autorità Ore 11.00 – Basilica Pontificia della B.V. del Rosario S. Messa presieduta da S. E. Mons. Tommaso Caputo, Arcivescovo Prelato di Pompei e Delegato Pontificio Ore 12.00 – Palazzo de Fusco Inaugurazione mostra sulle Città gemelle Kiongjou ( Corea ), Tarragona ( Spagna ) Xi’an ( Cina ), Latiano e Noto ( Italia ). Ore 12.30 – Palazzo de Fusco S.A.R. il Principe Sergio di Jugoslavia , Cittadino Onorario e presidente internazionale Associazione Regina Elena consegna alla Città di Pompei il premio annuale “Tutela del Patrimonio e delle tradizioni Napoletane” Ore 17.00 – Teatro Di Costanzo Mattiello convegno “LA MODERNA POMPEI ED IL CARISMATICO PROGETTO DEL SUO FONDATORE” Saluti delle Autorità: Avv. Claudio D’Alessio, Sindaco di Pompei S. E. Mons. Tommaso Caputo, Arcivescovo Prelato di Pompei e Delegato Pontificio On. Stefano Caldoro, Governatore Regione Campania Interventi: Don Ivan Licinio, Direttore dell’Ufficio per la Pastorale Giovanile della Prelatura di Pompei “Bartolo Longo, una storia di Santità e di amicizia”. Prof. Don Luigi Rossi, Università degli Studi di Salerno“ La carità operosa di una Città mariana, profezia per il XXI secolo”. Prof. Sergio Tanzarella, Pontificia Università Gregoriana “Il dialogo possibile: Bartolo Longo, Salvatore Labanca e la Nuova Pompei”. Don Domenico Arcaro, Direttore dell’Ufficio per la Pastorale Missionaria della Prelatura di Pompei “L’impegno sociale di Bartolo Longo e le politiche di aiuto e recupero nella post-modernità”. Prof. Giuseppe Palmisciano, Università di Bari “Bartolo Longo ed il Cattolicesimo napoletano”. Arch. Pasquale Miano, co-progettista PUC Pompei “La Pompei ideata da Bartolo Longo e la condizione attuale della Città. Modera Prof. Luca Steardo, Università degli Studi di Roma “ La Sapienza” Ore 19.30 Attribuzione premio “Marianna De Fusco”: Suor Rita Giaretta, Casa Rut Caserta Attribuzione Cittadinanza Onoraria: S. E. Mahmud Abbas, Presidente dello Stato della Palestina Attribuzione Cittadinanza Onoraria: Claudia Koll, Presidente dell´Associazione ONLUS “Le Opere del Padre”.