A cura della Redazione
Pompei. Scavi, uffici Invitalia a Palazzo De Fusco L’Amministrazione Comunale di Pompei ha deliberato la concessione in comodato d´uso gratuito all´Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’Impresa Spa (Invitalia), azionista unico Ministero delle Economia e Finanze, quattro stanze (normalmente occupate da altrettanti assessori del Comune e rispettivi staff) ubicate al terzo piano del Palazzo de Fusco, sede del Comune di Pompei, sito in piazza Bartolo Longo. Si accelera sul Grande Progetto Pompei che punta a restaurare e mettere in sicurezza buona parte del locale parco archeologico. In questa iniziativa il Comune fa la sua parte concedendo ad Invitalia quattro locali al terzo piano dello stabile di Palazzo De Fusco che la ospiteranno gratis, a tempo pieno, fino a tutto il 2014. L’iniziativa rientra nel quadro del progetto di rilancio del sito archeologico pompeiano finanziato dall’Unione Europea. Recentemente il sindaco D’Alessio e la sua giunta hanno deliberato la disponibilità all´uso dei locali di proprietà dell´Ente Comune per fornire un´adeguata sistemazione ad un ristretto gruppo di quadri aziendali Invitalia, impegnati a supportare la Soprintendenza Archeologica di Napoli e Pompei per l´attuazione del "Grande Progetto Pompei". Per l’amministrazione comunale di Pompei «rappresenta prestigio ed interesse del Comune, collaborare con Invitalia». In tale ambito, di concerto con il Ministero delle Attività e dei Beni Culturali ed in base alle indicazioni dello Steering Committee che soprintende l´attuazione del "Grande Progetto Pompei", è stata valutata l’opportunità che una parte dei tecnici di Invitalia, impegnati nelle attività di supporto alla Soprintendenza nelle operazioni preliminari ai bandi di gara ed alle verifiche in loco, deliberate in via ispettiva dal Ministero, sia presente a Pompei in pianta stabile per collaborare nel modo più efficace e strutturato possibile con i tecnici interni alla Sanp. Invitalia corrisponderà al Comune una quota parte delle spese e degli oneri che sosterrà nei prossimi 18 mesi (acqua, luce, pulizia, sicurezza ecc.). Tale quota sarà proporzionata alla percentuale di superficie dei locali occupati da Invitalia, rapportati a quelli dell´intero immobile. MARIO CARDONE